28.03.2017

ATTIVITÀ 2016, PRESENTATI I DATI DEL SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO

Venezia, 28-3-2017 - L'attività e gli interventi del Soccorso alpino e speleologico Veneto relativi al 2016 sono stati presentati oggi in una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Ferro Fini

Venezia, 28 - 03 - 2017

All'incontro erano presenti l'assessore regionale alla Potezione civile Gianpaolo Bottacin e alla sanità Luca Coletto. Nelle parole del presidente del Sasv Rodolfo Selenati il resoconto delle 925 missioni, il 5% in più rispetto al 1015, per 1.006 persone soccorse, nonché i risultati delle collaborazioni frutto di una specifica convenzione con la Guardia di finanza, rappresentata oggi dal tenente colonnello Marco Tripodi, e con l'Arpav. "Ringrazio il Soccorso alpino per il lavoro quotidiano - ha sottolineato Bottacin - complementare a tutte le forze in campo: il Soccorso alpino in ambito impervio e ostile, la Protezione civile nell'antincendio, i Vigili del fuoco nelle emergenze tecniche e urgenti, per una sinergia ancora più efficace". L'assessore Coletto ha ringraziato da parte sua la componente sanitaria, i medici e i paramedici, evidenziandone la funzione precisa e mirata. Presenti oggi anche il direttore del Suem 118 di Treviso Paolo Rosi e del Suem 118 di Pieve di Cadore Giovanni Cipolotti. "Il Soccorso alpino significa puntualità e professionalità - ha precisato Rosi - è indispensabile e garantisce di arrivare in ogni luogo con una competenza elevatissima, al punto che possiamo affidare completamente determinati interventi". "Il Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico a livello nazionale ha una professionalità che si potrebbe esportare - gli ha fatto eco Cipolotti - un'altra caratteristica da evidenziare, la capillarità della presenza del Soccorso alpino sul territorio che permette di raggiungere gli infortunati in ogni tipo di intervento". In allegato tutti i dati, con le suddivisioni per Delegazioni (II Dolomiti Bellunesi, XI Prealpi Venete e VI Speleo), e i recapiti di delegati e presidenza.