Lambioi Park - Piazza Duomo

Da parcheggio di Lambioi a Piazza Duomo

Anche se tutte le guide della città propongono un itinerario che inzia con Campedel, noi crediamo opportuno far cominciare la visita del "centro storico" dalla piazza del Duomo.  Infatti da quando l'Amministrazione Comunale ha fatto costruire un ampio parcheggio nella località di Lambioi (vicino al corso del Piave, ai piedi dei "piai" ad ovest della città) è più facile per i turisti raggiungere il centro della città in questo punto.
Una scala mobile coperta, molto suggestiva, che supera velocemente un dislivello di 40 metri, conduce, attraverso l'ex- palazzo di Giustizia, in Piazza Duomo.

La piazza Duomo è il centro politico di ieri e di oggi

Qui sorgono i più bei monumenti architettonici della città: uscendo dal Palazzo di Giustizia giusto di fronte appare il Vescovado vecchio, oggi sede dell'Auditorium, eretto nel 1190 dal vescovo-conte Gerardo de' Taccoli. Nella sua forma originale era provvisto di tre torri, di queste rimane in piedi solo quella di sinistra, riportata alle sue originarie strutture e per tanto tempo usata come torre civica. Sul lato destro ammiriamo la struttura massiccia del palazzo dei Rettori, oggi sede della Prefettura, fu iniziata nel 1491 e risente dello stile dell'architettura veneziana dell'epoca.

Ancora ciò che colpisce lo sguardo è la bella fontana centrale costruita nel 1411. la nuova statua posta in cima al pilastro è di produzione recente e rappresenta San Joatà (la vecchia statua è conservata nel vicino Museo Civico). 
Siamo usciti dal palazzo di Giustizia ed accanto ad esso sorge il palazzo del Comune (Palazzo Rosso). Questi si trovano oggi, sullo spazio già occupato dal vecchio palazzo del Consiglio  dei Nobili ("Caminada"), del quale abbiamo parlato nelle pagine di storia.

Nel 1835 il  Palazzo dei Nobili del XV sec. che chiudeva armoniosamente la piazza ad ovest, venne abbattuto per far posto a due edifici costruiti  su disegno del Segusini, con un accostamento di stili poco coerente. 
La parte sinistra fu progettata ex novo, nella parte destra, attuale Municipio, furono da lui inseriti gli elementi ornamentali di facciata della "Caminada", realizzando una costruzione neogotica.
 
Nel palazzo del Municipio merita una visita la sala consiliare affrescata da Giovanni De Min (1786 -1859).

Palazzo dei Nobili("ex-Caminada") e poi Palazzo di Giustizia, oggi chiamato, su invito del Sindaco, Palazzo Belluno. Il 29 luglio 2000 é stato restituito alla città, restaurato nelle facciate (quella che dà su Piazza Duomo e quella che guarda il Piave) con interventi il più possibile fedeli all'originale e rifacimento della struttura del tetto. E' sede degli uffici comunali tra cui l'Informagiovani.(telefono 0437913255; posta elettronica:informagiovani@comune.belluno.it).

Usciti dal Municipio, rivolgiamo l'attenzione all'adiacente basilica: tra la basilica e l'ex-tribunale vi è il pozzo esagonale della città, costruito in pietra nel 1532, si trattava di una cisterna per la raccolta dell'acqua piovana.

"Sulle fondamenta di un'antichissima chiesa paleocristiana, le cui prime notizie certe risalgono all'anno 850, dedicata a San Martino, sorge l'attuale Cattedrale di Belluno, da poco elevata al grado di Basilica minore, in onore del bellunese Albino Luciani" (Papa Giovanni Paolo I).  (B. Zanenga) 

A sud della Basilica ci si trova di fronte alla bella torre campanaria, alta 67 metri, opera di Filippo Juvara, che peraltro non mise mai piede a Belluno, ma si limitò ad inviare il progetto. La torre risulta più classica che barocca, ma per questo meglio inserita nell'ambiente locale anche per merito del materiale usata :pietra di Castellavazzo. Iniziata nel 1732 fu terminata nel 1743. Si può salire, lungo una scala un po' difficile, fino all'alto della torre, da dove si può vedere un bellissimo panorama sulla città e la sua valle. (Le chiavi si possono chiedere al sacrestano)

menu
menu