Piazza Vittorio Emanuele con il Teatro Comunale di Belluno

Piazza Vittorio Emanuele

Proseguiamo verso est, lasciandoci alle spalle la Piazza dei Martiri, fino alla piazza Vittorio Emanuele, detta anche Picol Kampedel (o piazzetta della legna), costuituente una sorta di avanpiazza rispetto alla Piazza Kampedel. Un tempo costituiva lo sbocco all'uscita della principale porta di accesso alla città antica, Porta Dojona: uno slargo tra l'attigua Piazza dei Martiri e l'inizio della strada per il Cadore.

La piazza è delimitata dal Teatro Comunale a sud e da, in senso antiorario, porta Dojona, gli edifici che fanno angolo con via Roma, il Palazzo Fulcis-de Bertoldi, oggi sede Nuovo Museo Civico.(la lunga facciata del palazzo è dovuta all'intervento dell'archit. Alpago Novello che nel 1776 unì tre edifici, in precedenza separati), il palazzo dellaFarmacia Perale o Casa Trois (palazzetto del settecento), l'elegante rinascimentale Palazzo Doglioni (realizzato nel primo '500 con inserti del secolo precedente oggi sede del Banco Ambrosiano veneto) ed i palazzi ad ovest (il "canton de la pelagra").

Il Teatro Comunale, opera realizzata dell'architetto feltrino Segusini nel 1833-35, chiude la piazza dei Martiri ad est e sacrifica porta Dojona tra due masse edilizie. L'edificio è in stile neoclassico, la facciata è impostata su colonne corinzie reggenti la parte alta dell'edificio; lo zoccolo di base presenta una gradinata d'accesso con due leoni (opera di P.Zandomeneghi, simboleggianti la musica e la poesia); l'attico superiore presenta quattro statue settecentesche che vennero acquistate dai bellunesi presso gli eredi del Canova. Il Teatro fu restaurato nel 1866, gli intonachi esterni nel 1982.

Il Palazzo Fulcis De Bertoldi è il più importante edificio settecentesco di Belluno e, a seguito di un restauro iniziato nel 2012, è ora la nuova sede delle collezioni storico artistiche dei Musei Civici di Belluno.

Per maggiori informazioni sul nuovo museo:      mubel.comune.belluno.it/Musei/Palazzo-Fulcis

menu
menu