Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

L'ITALIA OK ALL'ESORDIO NEL 20° TORNEO U20 DI DOMEGGE. BENE LA GERMANIA CONTRO LA GRECIA 

La Formazione Italiana

Nel 20° Torneo Internazionale U20 Memorial V. De Silvestro-Trofeo B. Meneghin, la formazione di coach Capobianco batte la Slovenia 73-63.

Nel match d'apertura bel successo della Germania 91-83 sulla Grecia. Sabato alle 18 Grecia-Slovenia, mentre alle 20.30 la vetrina sarà tutta di Germania e Italia. 

GERMANIA-GRECIA 91-83 
Germania: Griesel 7, Kraushaar 2, Ihnen 6, Hassfurther 5, Stell 7, Brenneke 6, Vrrcic 12, Binapfl 7, Herrkenhoff 17, Thiemann 17, Seric 3, Emanga 2. All. Ibrahimagic 
Grecia: Nikolaidis, Kalaitsakis P. 12, Koufopoulos, Fotopoulos, Psaras 8, Pilavos 8, Ballos 4, Moraitis 13, Liounis, Kalaitsakis G. 28, Kamperidis 10, Nesis. All. Limniatis
Parziali: 24-24, 27-26, 14-15, 26-18
Arbitri: Dori, Barbiero, Gonella 
La Germania apre con una vittoria la 20a edizione del Torneo Internazionale di Domegge di Cadore: Grecia ko 91-83 al termine di un match ben giocato e con tanto tiro da tre.
La gara inizia con due triple di Kamperidis in una contesa all'insegna dell'equilibrio (12-12 a metà tempo). La tripla di Herkenhoff dà il primo vantaggio alla Germania (15-12), quella di Binapfl sigla il 22-20 con i due coaches che concedono spazio alle cosiddette seconde linee. La partita è godibile ed equilibrata, i tedeschi la mettono sempre da oltre l'arco (5/8) e la prima frazione si conclude in perfetta parità (24-24). Nel secondo periodo prosegue la sagra del tiro da tre, Ihnen commette un fallo antisportivo, ma gli ellenici non ne approfittano e Thiemann porta i suoi sul +5 (37-32). Il centro tedesco viaggia a 15 punti in 15 minuti, mentre dall'altra parte Giorgios Kalaitsakis tiene a galla i suoi con due triple (42-40). La Germania dà un'altra accelerata e raggiunge il massimo vantaggio sul 50-41 ma i greci risalgono sino al 50-45 ad un minuto dall'intervallo lungo. Il break "ospite" dice 1-9 e viene chiuso dalla tripla di Moraitis che manda tutti negli spogliatoi (51-50). 
Nella terza frazione si susseguono sorpassi e contro-sorpassi, il punteggio giocoforza si abbassa e a metà tempo i teutonici sono avanti 58-57. I protagonisti sono sempre gli stessi: i gemelli Kalaitsakis per la Grecia e i lunghi Thiemann e Herrkenhoff per la Germania. Il periodo conclusivo inizia in parità (65-65), per la Grecia il solito Giorgios Kalaitsakis mette 8 punti in 6 minuti, ma è la Germania a prendere in mano le redini del match (76-67 al 35’). Gli ellenici non demordono e, dopo essere sprofondati di nuovo a -9 (79-70) rispondono con una tripla a testa dei gemelli Kalaitsakis (79-73). La Germania ne ha di più e ad un minuto dalla fine Herrkenhoff cattura un rimbalzo offensivo e lo trasforma nel +5 mettendo in ghiaccio il match.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ITALIA-SLOVENIA 73-63 
Italia: Stafanini 8, Lucarelli, Conti 14, Dieng 4, Zampini 5, Pajola 6, Caruso 7, Morgillo 6, Serpilli 11, Vigori 6, De Zardo 6, Valentini. All. Capobianco 
Slovenia: Licen, Andolsec Heine, Skedelj 4, Klavzar 6, Hirschmann 14, Stergar 5, Razdevsek, Stipanicev 9, Jogan 2, Kralj 20, Tomazic 1, Strel 2. All. Jakara 
Parziali: 16-8, 27-20, 11-19, 19-16
Arbitri: Costa, Valzani, Giovannetti
Esordio con vittoria per l'Italia U20 che supera la Slovenia 73-63 nella prima giornata del 20° Torneo Internazionale di Domegge di Cadore. 
Primo quarto di studio e con punteggio basso: la difesa di Capobianco si fa sentire e la Slovenia riesce a mettere a segno soltanto 2 punti nei primi 7 minuti di gioco (10-2). Gli azzurri sono concreti, Dieng, Vigori e Conti ne mettono 4 a testa e, soltanto a 3 minuti dalla prima sirena, la Slovenia si sblocca con la tripla di Kralj (12-5). L'Italia "doppia" gli sloveni (16-8), comanda al rimbalzo (14-10) e chiude il primo quarto in vantaggio in valutazione 23 a -4 (!). 
Nel secondo periodo la partita si ravviva, gli Azzurri raggiungono il massimo vantaggio con Conti (25-11), con gli ospiti che continuano a litigare con il canestro (15 punti in 15 minuti): sul 28-15 arriva la tripla del -10 di Kralj (28-18) ma nella seconda metà del quarto la contesa si ravviva: Skedelj in virata sigla il 31-20 e Stefanini dalla lunetta ricaccia indietro gli ospiti (36-22). Capobianco propone la zona che produce un'infrazione di 24" dei "verdi", i quali affondano sino al -15 dell'intervallo lungo (43-28). I dati a metà gara sono a senso unico: 56-11 di valutazione, 58% contro 20% nel tiro da due, tanto per citare i più eclatanti.
Nel terzo periodo la forbice si allarga ulteriormente, Paiola sigla il +17 (51-34), ma due triple consecutive di Hirschmann riavvicinano la Slovenia (51-40). Nell'ultimo minuto del quarto gli ospiti tornano sotto con i liberi di Stergar (54-47) e, sulla sirena, Strel fallisce addirittura la tripla del -4. 
Nella frazione conclusiva gli ospiti rientrano definitivamente in partita con Strel che chiude un break di 3-15 (54-49). La risposta azzurra è tutta di Serpilli che ne mette 5 consecutivi per il 60-49, time-out sloveno che non serve a molto perché De Zardo da sotto infila il 62-49, chiudendo un parziale interno di 8-0. Serpilli da tre e Zampini allungano sino al 67-51, l'Italia si rilassa un po' troppo e commette due infrazioni di 24", con la Slovenia che risale sino al 69-59. La schiacciata di Morgillo a 1':21" dalla fine chiude i conti (71-59), il numeroso pubblico del Pala Cian Toma applaude gli Azzurri che domani affronteranno la Germania nel big match della seconda giornata.

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu