Eventi, avvenimenti, manifestazioni Belluno e provincia

Dopo Tempesta Vaja - 3/6 giugno: 55esimo Corso di Cultura in Ecologia (San Vito di C.) e Primo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici (Bl)

I-Boschi-dopo-Vaia_CONFERENZA-PUBBLICA
Primo-Forum-CCambiamenti-Climatici_PROGRAMMA

tra il 3 ed il 5 giugno, il Dipartimento TESAF dell'Università degli Studi di Padova organizza il 55° Corso di Cultura in Ecologia, quest'anno è dedicato a Foreste e danni da Vento.

Il Corso si svolge tra San Vito di Cadore (Centro Studi per l'Ambiente Alpino) e l'ex Villaggio Eni di Corte di Cadore (Progettoborca).
Dolomiti Contemporanee partecipa all'organizzazione del Corso, che è riservato a esperti, ma che prevede due significativi momenti di apertura al pubblico:
- la Conferenza I boschi dopo Vaja, che si tiene a San Vito di Cadore lunedì 3 giugno alle ore 20.30 (relatore Prof. Mario Pividori).
- la prima edizione del Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, che viene lanciato quest'anno, a complemento del Corso di Cultura, che coinvolge un gruppo eterogeneo di relatori di alto profilo, e che si svolge a Belluno giovedì 6 giugno (dalle ore 17.30).

Di seguito il COMUNICATO STAMPA e le grafiche/programmi relativi al Corso e alle due Conferenze:

COMUNICATO STAMPA - 55esimo Corso di Cultura in Ecologia e Primo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici – 3/6 giugno 2019, San Vito e Borca di Cadore, Belluno.
Dal 3 al 5 giugno 2019, presso il Centro Studi per l’Ambiente Alpino di San Vito di Cadore (Bl), si svolgerà il 55esimo Corso di Cultura in Ecologia, che quest’anno è dedicato al tema Foreste e danni da vento.
La scelta del tema è naturalmente legata a Tempesta Vaia, l’evento distruttivo che a fine ottobre 2018 ha colpito i boschi dolomitici, e più in generale i territori di Veneto, Alto Adige e Lombardia.
Il Corso di Cultura in Ecologia è organizzato dal Tesaf (Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-forestali) dell’Università degli Studi di Padova, in collaborazione con Dolomiti Contemporanee (DC), Fondazione Angelini.
Il Corso si svolge presso il Centro Studi di San Vito di Cadore, secondo il programma allegato.
I relatori presenteranno una serie di analisi e dati legati alla stima dei danni e alla pianificazione degli interventi di esbosco, al trasporto e alla conservazione del legno, al suo ripristino e alla riduzione dei rischi nella gestione pianificata della risorsa boschiva.
Nella logica di una trattazione interdisciplinare e aperta dei temi legati a Vaia, accanto agli interventi tecnici degli esperti forestali, vi saranno anche quelli di un fotografo e di un ricercatore del cibo (Filippo Romano e Lorenzo Barbasetti di Prun).
La partecipazione al Corso è gratuita, ed è riservata a esperti e ricercatori. Obbligatoria la compilazione del form online, disponibile nei website del Centro Studi e di DC (https://docs.google.com/forms/d/1UCte4ui-RTjsemHYbMFSo5dRFXv4PpSgNhUyqXF0DYA/viewform?edit_requested=true).
Una sintesi dei temi trattati verrà resa disponibile al pubblico nella serata di lunedì 3 giugno, nel corso della Conferenza I boschi dopo Vaja, relatore Prof. Mario Pividori.
La conferenza, aperta a tutti, si svolge alle ore 20.30 presso la Sala Polifunzionale di San Vito di Cadore (Corso Italia 49).
Una iniziativa nuova viene lanciata quest’anno dal Corso di Cultura in Ecologia: il Primo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici si svolgerà a Bellunogiovedì 6 giugno, alle ore 17.30 (Sala Bianchi, Viale Fantuzzi 11, Bl).
Si tratta di una conferenza aperta al pubblico, alla quale prendono parte quattro relatori dalla formazione differente, che si confrontano su aspetti diversi, testimoniando della complessità delle interconnessioni tra il clima planetario e l’uomo. Un confronto aperto che promuove la discussione e il dialogo responsabile tra le diverse componenti della società umana.
I relatori sono un esperto del clima (Francesco Rech, Arpav), un architetto (Simone Sfriso, Studio TAMassociati), un filosofo dell’ambiente (Telmo Pievani), e un’economista esperta degli impatti dei cambiamenti climatici sui sistemi economici (Enrica De Cian).
Introducono e moderano Stefania Ganz (Assessore politiche per l’ambiente Comune di Belluno), Tommaso Anfodillo (coordinatore Centro Studi per l’Ambiente Alpino di San Vito di Cadore, Università degli Studi di Padova), e Gianluca D’Incà Levis (Dolomiti Contemporanee).
Il forum viene lanciato quest’anno, con l’intenzione di ribadirlo in futuro, sviluppandolo e rendendolo un appuntamento permanente, nella consapevolezza di quanto risulti oggi necessario lavorare per l’acquisizione di una coscienza collettiva su un problema che non può essere ignorato.

INFO
Centro Studi Ambiente Alpino:    Link: intra.tesaf.unipd.it/cms/Sanvito/CCE.asp
    0436.9311 - ambiente.alpino@unipd.it
DC:   www.dolomiticontemporanee.net   info@dolomiticontemporanee.net

---

55esimo Corso di Cultura in Ecologia 3/5 giugno 2019
Centro Studi Ambiente Alpino, Via F. Ossi 41, San Vito di Cadore (Bl) e ex Villaggio Eni di Corte di Cadore (vedi programma).
Partecipazione gratuita, iscrizione obbligatoria.

I boschi dopo Vaja - Lunedì 3 giugno 2019, ore 20.30 - Sala Polifunzionale di San Vito di Cadore (Corso Italia 49). - Conferenza aperta al pubblico
Primo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici - Giovedì 6 giugno 2019, ore 17.30/19.45 - Sala Bianchi, Viale Fantuzzi 11, Belluno - Conferenza aperta al pubblico
 > Relatori 55esimo Corso di Cultura in EcologiaEmanuele Lingua (Dip. TESAF, Università di Padova), Gregory Biging (Dept. ESPM University of California, Berkeley), Antonio Lazzarini (Università di Padova), Filippo Romano (fotografo), Mario Pividori (Dip. TESAF, Università di Padova), Andreas Kleinschmit (FCBA Institut Technologique), Stefano Grigolato (Dip. TESAF, Università di Padova), Corrado Cremonini (Dip. DISAFA, Università di Torino), Daniele Belli (Dott. Forestale), Gianluca D’Incà Levis (Dolomiti Contemporanee), Lorenzo Barbasetti di Prun (Prometheus Food Lab), Tommaso Locatelli (Forest Research), Thomas Wohlgemuth, (WSL Birmensdorf), Tommaso Sitzia (Dip. TESAF, Università di Padova).

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu