Eventi, avvenimenti, manifestazioni Belluno e provincia

Le voci di 6000 bellunesi esiliati nel 1917 riemergono dall’Archivio storico comunale di Belluno: DOPO CAPORETTO. BELLUNESI IN ESILIO

“Dopo Caporetto. Bellunesi in esilio”.

Giovedì 29 novembre 2018, ore 17.30 Sala Bianchi - E’ una pagina dimenticata di storia che torna a rivivere grazie a Manuela Maggini

E’ una pagina dimenticata di storia che torna a rivivere grazie a Manuela Maggini, pistoiese di nascita ma bellunese di adozione,  autrice per Edizioni DBS del libro “Dopo Caporetto. Bellunesi in esilio”.
Con infinita pazienza e avvalendosi della preziosa collaborazione di Orietta Ceiner, Maggini ha per la prima volta esaminato, studiato e trascritto le lettere originali inviate dagli esuli al loro sindaco Bortolo De Col Tana, commissario prefettizio del ricostituito Comune di Belluno nella sede extraterritoriale di Pistoia. Ne è risultato un volume di oltre 400 pagine, impreziosito da un supporto fotografico ricchissimo, che in presa diretta racconta i momenti terribili seguiti al dopo Caporetto. In quel novembre di oltre 100 anni fa la gran  parte della popolazione fu costretta a restare. In 31.000 dalla provincia di Belluno, di cui circa 6000 bellunesi, dovettero invece abbandonare le loro case sotto l’incalzare dell’esercito austro-tedesco.
Dalle loro terre natali gli esuli furono dispersi in diverse regioni d’Italia; ma per tutti il cuore rimase a Belluno di cui il sindaco Bortolo de Tana a Pistoia divenne il simbolo. A lui scriveranno chiedendo notizie, aiuto, conforto: un racconto avvincente fatto di sofferenza, paura del futuro ma anche di amore profondo e preoccupazione per le proprie terre occupate.

Il libro sarà presentato giovedì 29 novembre alle 17.30 in Sala Bianchi a Belluno dall’Archivio storico del Comune di Belluno, in stretta connessione con la mostra documentaria multimediale “Belluno, una città. Il nuovo secolo, la guerra” attualmente in corso. Oltre all’Autrice interverranno Orietta Ceiner e Francesco Piero Franchi.

L'autrice Manuela Maggini
Manuela Maggini, nata a Tizzana (Pistoia) vive da molti anni a Belluno, dove ha insegnato nelle scuole secondarie. Appassionata di storia locale, ha pubblicato articoli su riviste specializzate e il libro Nel paese di Galileo, Vita di Filippo Pacini (Lalli, 1987) in cui ricostruisce la biografia del grande medico pistoiese. Si è interessata in questi ultimi anni al periodo storico 1915-1918 e ha pubblicato La memoria dispersa. Soldati di Tizzana alla Grande Guerra (Settegiorni Editore, 2012).

Manuela Maggini, Dopo Caporetto. Bellunesi in esilio, Edizioni DBS, 2018, EAN 9788833680217 €22

Per info e richiesta materiali a scopo redazionale: Laura Pontin coordinamento editoriale laura@edizionidbs.it cell. 3286823330

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu