Eventi, avvenimenti, manifestazioni Belluno e provincia

Prima apertura stagionale al pubblico di Colonia e Chiesa dell'ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, con Progettoborca

Una-rampa-nella-Colonia-dell'ex-Villaggio-Eni_Foto-Nicola-Noro

Mercoledì 24 aprile visita guidata alla Colonia e alla Chiesa di Nostra Signora di Cadore Ore 10.00-12.30. Ingresso: offerta libera Non è necessaria la prenotazione

Mercoledì 24 aprile, ci sarà la prima apertura stagionale al pubblico della Colonia dell’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore e della Chiesa di Nostra Signora del Cadore.
Sarà possibile partecipare ad una visita guidata, per scoprire alcune delle architetture di Edoardo Gellner, all'interno e all'esterno, e le sue relazioni con il paesaggio, che Tempesta Vaia ha così pesantemente modificato.
Nel corso della visita, verranno presentate le strategie di rigenerazione che Dolomiti Contemporanee (DC) porta avanti dal 2014 con Progettoborca, insieme ai suoi numerosi partner, territoriali ed extraterritoriali, e alla Società Minoter, proprietaria del sito.
Aluni artisti ora attivi in residenza presenteranno il proprio lavoro (Lorenzo Barbasetti di Prun, Andreas Zampella).
Appuntamento agli uffici di Dolomiti Contemporanee/Progettoborca (Via Enrico Mattei 5, Borca di Cadore), alle ore 10.00.
Si raccomanda la massima puntualità: il percorso è lungo, ed è impossibile aggregare i ritardatari al gruppo, una volta che questo si è mosso.

La visita (Colonia e Chiesa) si svolge dalle ore 10.00 alle ore 12.30.
Non c'è biglietto d'ingresso: c'è un'offerta libera.

La successiva apertura al pubblico si svolgerà sabato 18 maggio, nell'ambito della Settimana della Cultura cadorina.

Per i mesi di luglio ed agosto (a partire dal giorno 11), ogni giovedì sarà garantita una visita guidata a Colonia e Chiesa.

---

Ricordiamo che il programma di rigenerazione dell'ex Villaggio Eni e della Colonia di Borca è stato avviato da DC nel 2014.
Il lavoro compiuto in cinque anni non ha conosciuto mai soluzione di continuità. Un processo continuo, di riscoperta e disvelamento dei potenziali di questo luogo miliare, rimessi in luce attraverso il valore delle pratiche. Valore su valore.
Progettoborca non si chiude in inverno per riaprire in primavera. Si lavoro sempre qui, a ciclo continuo, per garantire al progetto la forza e le circolazioni e i flussi necessari a contrastare le inerzie predatorie, con l'obiettivo di rifunzionalizzare il sito.
E però, seppure l'attività di progetto, con gli artisti in residenza, gli architetti, gli enti partner, le istituzioni, non si ferma mai, nei mesi invernali non viene garantito al pubblico l'eccesso alle strutture, per diverse ragioni pratiche.
Inoltre, come ben sappiamo, a fine ottobre 2018 è venuta Tempesta Vaia, questo evento cruento, con le forti piogge e i venti fino a quasi duecento chilometri orari. Questa combinazione d'elementi scatenati ha provocato un grave dissesto idrogeologico, ha schiantato i boschi, ha danneggiato le infrastrutture e le case. Anche al Villaggio ci sono stati dei danni. Ancora adesso, si lavora alle manutenzioni del post-emergenza. Per mesi dunque, il sito è rimasto inagibile.
Ora si riparte, e, come sempre, si va avanti.

Come arrivare:
L’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore si trova all’interno del grande bosco ai piedi del versante meridionale del Monte Antelao, in Comune di Borca di Cadore.
Per chi arriva da Belluno, dalla SS 51 di Alemagna, una volta giunti a Borca di Cadore, seguire la cartellonistica stradale con le indicazioni per Villaggio Corte delle Dolomiti.
All’altezza del distributore Eni, girare a destra verso il Monte Antelao.
A questo punto, ci si trova già all’interno dell’area boscosa su cui insiste il Villaggio.
Salire per circa un chilometro, poi svoltare a sinistra all’altezza di una capanna bianca triangolare e del cartello Dolomiti Contemporanee/Progettoborca (piccola aiola verde).
Il punto d’accesso alla Colonia è la palazzina gellneriana accanto alla cancellata metallica (Via Enrico Mattei 5), che ospita gli uffici e il bookshop di Progettoborca.

---

INFO    www.progettoborca.net     www.dolomiticontemporanee.net    info@progettoborca.net

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu