Dummy Title /belluno-dolomiti/ 2018-06-20T08:14:59+02:00 http://example.comnews-4692.atom Museo etnografico di Seravella - AL MUSEO CON IL BUIO - 2018-06-20T06:59:20+02:00 2018-06-20T07:09:34+02:00 venerdì 29 giugno arrivi tra le ore 18-18:30 e uscite tra le 23-23:30: un nuovo evento messo in programma da Isoipse in collaborazione con il museo etnografico della provincia di Belluno

una serata emozionante dedicata ai ragazzi tra gli 8 e i 13 anni dotati di spirito di avventura, coraggio e curiosità.
Occorre prenotarsi entro il 27 giugno.
 L'evento è a pagamento. La quota di iscrizione comprende anche la cena a base di pizza.
 Info presso: 3201963266 o seravella@isoipse.it

-- 
Rete dei Musei della provincia di Belluno
Museo etnografico della provincia di Belluno e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi  Via Seravella  32030 Cesiomaggiore 
tel. 0439 438355  www.museoetnograficodolomiti.it

http://example.comnews-4691.atom Formaggi sul Colle - Stagione estiva in Nevegal 01.07.2018 - 2018-06-20T06:55:06+02:00 2018-06-20T06:58:28+02:00 FORMAGGI SUL COLLE, una domenica all'insegna della natura e della gastronomia, organizzata con i Rifugi del NEVEGAL.

Domenica 1° Luglio 2018, da matttina a sera, si potranno degustare una serie di piatti tipici, realizzati in collaborazione con le Latterie del territorio, in un itinerario a sviluppo libero.

La partecipazione ha un costo di € 26.00 a partecipante (€ 8.00 per i bambini), e comprende 9 cicheti (vedi i dettagli dei piatti sulla mappa allegata) e la salita in seggiovia dal piazzale fino al Rifugio Brigata. Il programma prevede anche divertenti intrattenimenti musicali e attività collaterali a cura dei rifugi.

Per info e prenotazioni: Cell. 345/8238880 -Email: info@prolocopievecastionese.it o presso i rifugi.

Per maggiori informazioni, puoi scariare il pieghevole delle iniziative estive 2018 della Pro Loco.

http://example.comnews-4688.atom Concerti d’estate dell’Orchestra di Padova e del Veneto - 2018-06-19T07:14:21+02:00 2018-06-19T07:27:05+02:00 dal 23 giugno al 19 luglio 2018, tra le colline della Valpolicella, Palazzo Giardino Zuckermann, il Castello Carrarese e la OPV Summer Academy

L’estate dell’Orchestra di Padova e del Veneto si preannuncia ricca di proposte e rassegne musicali, a partire da “Serenate notturne”, la nuova edizione del FestiValpolicella che, dal 23 giugno al 19 luglio 2018, proporrà quattro concerti nei comuni di Fumane, San Pietro in Cariano, Pescantina e Negrar, coniugando l’offerta musicale con la scoperta delle unicità e delle meraviglie paesaggistiche e architettoniche di un territorio di incomparabile bellezza.

Dopo i successi del “Ludwig van Festival” e del “4 Franz Festival”, da mercoledì 27 giugno a mercoledì 18 luglio nel suggestivo Teatro Giardino di Palazzo Zuckermann a Padova, l’OPV presenterà un focus ulteriore sulla Vienna tra Sette e Ottocento con il Festival “Fattore H.Haydn&Friends”, un viaggio musicale articolato in quattro concerti dedicato a un gigante del classicismo viennese, Joseph Haydn.

Un altro luogo simbolo della città, il Castello Carrarese, sarà l’ideale cornice per una serata all’insegna della musica spagnola: giovedì 26 luglio l’Orchestra darà vita al concerto “Notte nei giardini di Spagna” con musiche di Joaquín Rodrigo, Manuel de Falla, Nicolaj Rimsky Korsakov e la partecipazione di un solista d’eccezione, il chitarrista Alberto Mesirca.

A suggellare l’intensa attività musicale, sabato 14 luglio nella splendida Villa Ca’Erizzo Luca di Bassano del Grappa, lungo il Brenta, l’OPV inaugurerà l’Operaestate Festival Veneto 2018, con l’esecuzione di due opere di Giorgio Battistelli, compositore in residenza nella scorsa stagione e protagonista delle fortunate Lezioni di Suono; il programma della serata si aprirà con gli Orazi e Curiazi per sole percussioni a cui seguirà il Combattimento di Tancredi e Clorinda da Monteverdi.

I concerti del Festival Fattore H.&Friends sono  realizzati con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione del Veneto, del Comune di Padova, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova.

Accanto all’attività concertistica, OPV non dimentica la formazione di giovani musicisti e lo ha fatto attraverso le borse di studio, promosse dall’Associazione Amici dell’Orchestra di Padova e del Veneto, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che hanno consentito, dopo una selezione, a sette giovani musicisti di lavorare con l’OPV partecipando alle produzioni concertistiche nel periodo giugno-luglio 2018.

Info
T 049 656848 - 656626   info@opvorchestra.it   www.opvorchestra.it

Ufficio Stampa
Studio Pierrepi   Alessandra Canella Padova   Cell: 348-3423647   opvorchestra@studiopierrepi.it   www.studiopierrepi.it

http://example.comnews-4686.atom Musica Fuori Porta Incontri con i musicisti dell’OPV (Orchestra di Padova e del Veneto) - 2018-06-19T06:50:37+02:00 2018-06-19T06:59:11+02:00 OPV Brass Quintet - Venerdì 22 giugno alle 21 in piazza Gasparotto, in occasione della rassegna estiva "Yucca Fest" del Circolo Nadir

Venerdì 22 giugno alle 21 si terrà in piazza Gasparotto, in occasione della rassegna estiva "Yucca Fest" del Circolo Nadir con altre realtà della piazza, il secondo appuntamento di Musica Fuori Porta, organizzato dall'Associazione Amici dell'Orchestra di Padova e del Veneto con il contributo dell’Assessorato al decentramento del Comune di Padova e con i quartieri n.1 e n.2. che si propone di diffondere la musica anche al di fuori dei tradizionali contesti.  Protagonista della serata   l'OPV Brass Quintet

Il Circolo Nadir, nato nel marzo 2017 grazie a un progetto di riqualificazione del territorio con l'obiettivo di offrire uno spazio di azione e trasformazione della realtà cittadina, risulta l'ambientazione perfetta per vedere concretizzati gli intendimenti di Musica Fuori Porta: portare i concerti al di fuori delle consuete sale per rivalutare spazi urbani decentrati e far sì che la magia della musica con la sua forza comunicativa possa esercitare anche la funzione sociale di unire, superando confini e divisioni.

Protagonista della serata sarà l'OPV Brass Quintet, un gruppo di fiati dell'Orchestra di Padova e del Veneto composto da Simone Lonardi e Roberto Caterini alla tromba, Marco Bertona al corno, Filippo Munari al trombone e Flavio Rovere al trombone basso.

Il programma proposto, Viaggio intorno al Mondo, ci condurrà alla scoperta di un appassionante e coinvolgente repertorio che accosterà melodie e ritmi originari di paesi molto distanti tra loro: ascolteremo brani di tradizione francese, tedesca, ungherese, cinese, italiana, nord-americana, argentina.

Il tema del Rondeau di Jean-Joseph Mouret aprirà di slancio questa grande festa di popoli. Ascolteremo la barocca Battle suite di Samuel Scheidt e saremo poi trascinati dall'incalzante ritmo della quinta Danza Ungherese di Johannes Brahms. Ci trasferiremo in Oriente con le note di alcune musiche tradizionali cinesi per tornare poi a noi con il celebre Largo al Factotum di Gioacchino Rossini. Moment for Morricone ci offrirà un arrangiamento delle più belle colonne sonore del grande compositore, in cui riconosceremo le musiche di notissimi film tra cui Il buono, il brutto, il cattivo, C'era una volta il West, La febbre dell'oro. Ci verrà poi proposto un tradizionale gospel, Just a closer walk, e West Side Story di Leonard Bernstein, suite che raccoglie le musiche del film e dell'omonimo musical statunitense, ambientato in un quartiere di Manhattan tra i problemi legati all'immigrazione portoricana e le lotte tra bande di strada rivali. Saremo quindi rapiti dalla sensualità del tango argentino con la Cumparsita di Mato Rodriguez. La serata si chiuderà infine sulle travolgenti note di The Saint’s Hallelujah.

Il concerto sarà preceduto da una breve introduzione di Biancamaria Targa

L'OPV Brass Quintet nasce come progetto all’interno dell’orchestra di Padova e del Veneto. La musica da camera è mezzo indispensabile per la crescita umana e musicale. Con questo scopo gli elementi dell’OPV BRASS ENSAMBLE, dopo un’intensa attività solistica ed orchestrale, hanno deciso di intraprendere questo percorso di valorizzazione del repertorio per ottoni, fatto da musica originale ma anche da trascrizioni che spaziano dal barocco al jazz.
Simone Lonardi e Roberto Caterini   TROMBE, Marco Bertona   CORNO, Filippo Munari   TROMBONE, Fabio Rovere   TROMBONE BASSO.

Musica Fuori Porta è un progetto organizzato dall'Associazione Amici dell'Orchestra di Padova e del Veneto con il contributo dell’Assessorato al decentramento del Comune di Padova e con i quartieri n.1 e n.2.

ingresso libero

Per informazioni
Circolo Nadir   Piazzetta Cesira Gasparotto, 10, 35131 Padova   E-mail: circolonadir@gmail.com

Associazione Amici OPV
Casa della Rampa Carrarese   Via Arco Valaresso 32 - 35139 PADOVA   cell: 348-5337860

http://example.comnews-4685.atom Palazzo Sarcinelli in festa. Finissage della mostra Teodoro Wolf Ferrari. Conegliano, 24 giugno 2018 - 2018-06-19T06:40:28+02:00 2018-06-19T06:50:10+02:00 Finissage (gratuito) della mostra Teodoro Wolf Ferrari: passeggiate guidate in mostra, aperitivo, concerto in omaggio la bag di Palazzo Sarcinelli per chi acquista il catalogo Marsilio Editori

Domenica 24 giugno 2018 sarà l’ultimo giorno utile per visitare la mostra Teodoro Wolf Ferrari. La modernità del paesaggio al Palazzo Sarcinelli di Conegliano. In questa occasione il Comune di Conegliano e Civita Tre Venezie propongono l’evento Palazzo Sarcinelli in festa, un finissage totalmente gratuito e aperto a tutti, per festeggiare insieme il successo della rassegna.

Si comincia alle ore 19 con le “passeggiate guidate in mostra”, tre appuntamenti, della durata di 45 minuti ciascuno, alle ore 19, 19.30 e 19.45, per approfondire, grazie all’Associazione Aregoladarte e Astarte, la vicenda artistica di Wolf Ferrari, ripercorrendo le sette sezioni in cui si articola l’esposizione. Dagli esordi di influenza böckliniana con il motivo affascinate dell’Isola dei morti alla stretta relazione con l’ambiente di Ca’ Pesaro, con un interesse verso il simbolismo francese ispirato all’opera di Gauguin, alle meravigliose betulle e sorprendenti glicini che rievocano il linguaggio di Klimt, per terminare con una vera e propria ode alla bellezza delle terre venete.

Parallelamente, dalle ore 19 alle 21, sarà possibile partecipare alla degustazione con sommelier del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, resa possibile dalla preziosa collaborazione con il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, tra le eccellenze nazionali presenti sul territorio.

Chiude la serata il Concerto, realizzato all’interno della rassegna Conegliano Jazz&Blues 2018, che a partire dalle ore 21.15 animerà l’androne di Palazzo Sarcinelli con Greg Izor & Marco Pandolfi. Una coppia di armonicisti unica al mondo, che proporrà un live speciale con sonorità inedite e viscerali, ritrovando le radici più pure della grande tradizione blues.

In questa occasione chi acquista il catalogo della mostra (Marsilio Editori) riceverà in omaggio la bag di Palazzo Sarcinelli.

L’esposizione resterà aperta al pubblico fino alle ore 21 con ingresso gratuito (comprensivo di tutti gli eventi del finissage) a partire dalle ore 19.

Ufficio stampa
Civita Tre Venezie   Giovanna Ambrosano   +39 041 2725912, +39 338 4546387   ambrosano@civitatrevenezie.it

Palazzo Sarcinelli
Via XX Settembre 132, Conegliano (Treviso)   www.mostrawolfferrari.it/    +39 0438 413520

http://example.comnews-4690.atom PRECIPITA COL PARAPENDIO E PERDE LA VITA - 2018-06-19T06:40:00+02:00 2018-06-20T06:46:19+02:00 San Gregorio nelle Alpi (BL), 19 - 06 - 18

Verso le 17.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del Pizzocco, dove una persona che si trovava nei pressi del Bivacco Palia aveva notato la vela di un parapendio, poco prima in volo, a terra. L'eliambulanza ha localizzato il punto, a 1.400 metri, sulla sinistra orografica del sentiero che porta a Forcella Intrigos, e ha sbarcato a una certa distanza il tecnico di elisoccorso, calandolo con un verricello di una cinquantina di metri. Il soccorritore ha subito visto il corpo esanime del pilota e ha messo in sicurezza la vela ripiegandola, per poter far scendere il medico, che ha solamente potuto purtroppo constatare il decesso dell'uomo, P.G., 54 anni, di Montebelluna (TV). In supporto alle operazioni sono stati elitrasportati due tecnici del Soccorso alpino di Feltre. Ricomposta, la salma è stata recuperata e trasportata a valle.

http://example.comnews-4689.atom RECUPERO SULLA FERRATA BERTI - 2018-06-19T06:37:00+02:00 2018-06-20T06:39:27+02:00 San Vito di Cadore (BL), 19 - 06 - 18

Alle 14 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Ferrata Berti, nel Gruppo del Sorapiss, a seguito della chiamata di due escursionisti che si trovavano in difficoltà. I due, T.P., 29 anni, di Conegliano (TV), e B.R., 27 anni, di Padova, non avevano più proseguito, preoccupati per una scarica di sassi dalla parete soprastante. Individuati dall'eliambulanza a 2.450 metri di quota, sono stati recuperati dal tecnico del Soccorso alpino con un verricello di 20 metri e trasportati a valle. 

http://example.comnews-4682.atom GIOVANE ALPINISTA MUORE SULL'AGNER, GRAVEMENTE FERITO IL COMPAGNO - 2018-06-18T06:43:44+02:00 2018-06-18T06:45:03+02:00 Voltago Agordino (BL), 17 - 06 - 18

Alle 12.30 il 118 è stato allertato da un alpinista precipitato assieme al compagno mentre stavano salendo lo Spigolo Nord dell'Agner. I due stavano procedendo legati assieme in conserva, quando uno era scivolato trascinando l'altro. Il giovane che aveva telefonato, pur gravemente ferito, era rimasto sospeso alla corda impigliata in uno spuntone, mentre il compagno, che non rispondeva ai suoi richiami, era finito bloccato in un camino. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha individuato il punto dove si trovava il rocciatore ferito, A.M, 27 anni, di Selva di Valgardena (BZ), e ha sbarcato il tecnico di elisoccorso poco distante a circa metà dello Spigolo. Il soccorritore ha allestito un ancoraggio e ha subito assicurato il ragazzo, per poi attrezzare una corda fissa, raggiungere l'amico e verificarne le condizioni, non appena sono stati sbarcati il medico dell'equipaggio e un soccorritore di Agordo con la barella che si sono presi cura del primo giovane. Vista la gravità della situazione, è stato richiesto un secondo elicottero ed è intervenuto quello di Treviso emergenza. Il corpo inerme dell'alpinista finito nella fessura, B.M., 27 anni, di Selva di Valgardena (BZ), è stato recuperato con un verricello di 90 metri e poi trasportato a valle dove il medico ha potuto purtroppo solamente constatarne il decesso. L'infortunato, in gravissime condizioni per i traumi riportati, una volta imbarellato è stato recuperato con un verricello di oltre 90 metri e portato all'ospedale di Treviso.

http://example.comnews-4684.atom TRE CIME DI LAVAREDO: PRECIPITA E PERDE LA VITA - 2018-06-18T06:36:00+02:00 2018-06-19T06:40:20+02:00 Auronzo di Cadore (BL), 18 - 06 - 18

Stamattina alle 8 il 118 è stato allertato per un alpinista precipitato sulla Grande delle Tre Cime di Lavaredo. Tre amici, due uomini e una donna, stavano salendo la normale quando, arrivati a circa 2.800 metri di quota, si sono accorti di essere usciti dal percorso corretto e di trovarsi una ventina di metri più sopra. Hanno così deciso di calarsi assicurandosi a un appiglio, ma non appena il primo di loro ha iniziato a calarsi, la roccia si è staccata e lui è caduto da due salti di roccia, precipitando poi per oltre cento metri. L'elicottero del Suem arrivato sul posto, ha prima imbarcato i due compagni, fermi in una nicchia, con un verricello di 20 metri e ha poi allo stesso modo provveduto al recupero del corpo senza vita del rocciatore - 46 anni, di nazionalità tedesca - trasportato a valle, dove era presente anche personale del Sagf., della caserma di Auronzo di Cadore

http://example.comnews-4680.atom Turismo Mel - Frammenti d' Arte in Valbelluna ed altri eventi - 2018-06-17T07:15:56+02:00 2018-06-17T07:39:48+02:00 Visite guidate gratuite alle chiesette della Sinistra Piave a cura del Comune di Mel; collaborano il Circolo “Promozione Cultura” di Mel e l’Associazione Culturale “Gli Amici di Cesana “,

Domenica 24 Giugno 2018

Raccontarte e Associazione Culturale “La Fenice “di Feltre
segnalano dalle ore 15.00 alle 18.00:
>  CESANA (Lentiai) S. Bernardo
>  LENTIAI Arcipretale S. Maria Assunta
>  CORTE (Mel) S. Valentino
>  VILLA DI VILLA (Mel) S. Nicola
>  TIAGO – CASTELLO DI ZUMELLE (Mel) S. Donato

Frammenti Musicali e Frammenti Gastronomici a seguire Passeggiata guidata ai Laghetti della Rimonta
>  BARDIES (Mel) - ore 18.00 Sempre nell’ambito di “Frammenti d’Arte in Valbelluna” vi ricordiamo anche 
-----------------------------------------------------------------

IN GIRO PER LA VALBELLUNA: BORGHI E CHIESETTE” - "TESORI D’ARTE IN VALBELLUNA 2018"
Itinerario guidato attraverso la Valbelluna alla scoperta delle chiesette frazionali e dei borghi nei territori di Mel, Lentiai e Trichiana (BL), con Patrizia Cibien, guida turistica abilitata per la Provincia di Belluno.
Di seguito il programma:
DOMENICA 24 GIUGNO 2018: Cesana – Lentiai – Corte – Villa di Villa – Tiago – Bardies - ritrovo: ore 14:45 in piazza a Lentiai, di fronte alla chiesa
DOMENICA 29 LUGLIO 2018: Cesana – Lentiai (Chiesa e officina ferro battuto) – Colderù - ritrovo: ore 14:45 in piazza a Lentiai, di fronte alla chiesa
SABATO 4 AGOSTO 2018: Mel – Borghi più belli d’Italia: Municipio, Giazèra, Museo Civico, Chiese - ritrovo: ore 16:00 in piazza a Mel, sotto loggiato Municipio
DOMENICA 26 AGOSTO 2018: Follo – Gus – Zelant (rocolo e chiesetta degli Alpini) - ritrovo: ore 14:45 a Gus (Mel), di fronte alla chiesa
DOMENICA 30 SETTEMBRE 2018: Trichiana – Morgan – Pialdier – Farra di Mel - ritrovo: ore 14:45 a Trichiana, di fronte alla chiesa
Prenotazione obbligatoria: entro le ore 18:00 del giorno precedente la visita
Durata: circa 3,5 ore
Costo: 15,00 € comprensivi di guida turistica e degustazione di prodotti locali (ad eccezione di sabato 4 agosto per l’evento in collaborazione con HapperiMel)
Trasporto: trasporto gratuito con pulmino per i primi 8 prenotati; oltre le 8 persone spostamenti con mezzi propri
Info-prenotazioni: Patrizia Cibien cell. 327 5526262 info@ingiroconpatty.it www.ingiroconpatty.it
Eventi in collaborazione con Comuni di Lentiai, Mel, Trichiana, Associazione Gli Amici
Info e Prenotazione : Cell. 327 5526262 oppure e-mail info@ingiroconpatty.it
-----------------------------------------------------------------

Segnaliamo inoltre :

LE MILLE E UNA NOTTE - CENA SPETTACOLO MAROCCHINA - SABATO 23 GIUGNO 2018 Ore 20 al Castello di Zumelle
Fantastiche pietanze marocchine potranno essere gustate mentre i veli di una suadente danzatrice vi accompagneranno in un mondo tutto da scoprire!

VISITA GUIDATA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI NOAL CON APERTURA DELLA TORRE - DOMENICA 24 GIUGNO
Ritrovo alle ore 9 nel cortile delle vecchie scuole elementari di Sedico ora sede delle associazioni.
​​​​​​​Al ritorno possibilità di pranzare presso il capannone degli alpini (nel cortile delle vecchie scuole) in occasione della festa di S. Pietro.  Si consigliano scarponcini o scarpe da trekking.

http://example.comnews-4683.atom NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA - 2018-06-17T06:45:00+02:00 2018-06-18T06:46:52+02:00 Belluno, 17 - 06 - 18

Questa mattina alle 8 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sull'Agner, nel comune di Voltago Agordino, dove una coppia che stava risalendo la Ferrata Stella alpina era rimasta bloccata dalla neve, incapace di proseguire. I due escursionisti, A.Z., 42 anni, di Valdagno (VI), lui e L.D.C., 34 anni, di Chioggia (VE), lei, erano partiti ieri alle 16 dal Rifugio Scarpa diretti al bivacco Biasin dove intendevano passare la notte, ma circa a metà itinerario, tra l'inizio della ferrata e il bivacco, avevano trovato lingue di neve. Impossibilitati ad avanzare, si erano fermati e avevano dormito all'addiaccio. I due escursionisti sono stati recuperati con un verricello di 30 metri e trasportati al Rifugio Scarpa. Alle 9.30 l'eliambulanza è stata inviata sulla Seconda Pala di San Lucano, Taibon Agordino. Due alpinisti, N.S., 27 anni, di Longare (VI), e A.Z., 44 anni, di Vicenza, che stavano scalando la via Gogna - Cerruti, arrivati alla grande cengia della parte alta, non erano più stati in grado di progredire e avevano tentato di uscire lateralmente trovandosi in difficoltà. Dopo un confronto telefonico con il Soccorso alpino di Agordo hanno avuto conferma della scelta impegnativa e hanno quindi atteso l'arrivo dell'elicottero, che ha prima imbarcato un soccorritore di Agordo in supporto alle operazioni. Recuperati con il verricello, sono stati trasportati in piazzola ad Agordo. Nuovo allarme alle 10.45, in seguito alla chiamata di una testimone che aveva visto una ciclista cadere sulla strada bianca che da Croce d'Aune porta al Rifugio Dal Piaz, comune di Sovramonte, a circa 1.400 metri di quota. La donna, una cinquantatreenne, era caduta dopo un tornante finendo sulla strada sottostante, una ventina di metri più sotto. Imbarcata, è stata accompagnata all'ospedale di Treviso con sospetti trauma cranico e a un braccio. Alle 17.40 l'elicottero ha recuperato un escursionista sul Civetta, nel comune di Val di Zoldo, a circa 2.700 metri di quota. Scendendo dal Rifugio Torrani lungo la via normale assieme a due amici, A.D.C., 30 anni, di Trichiana (BL), era scivolato sulla neve e si era procurato la probabile lussazione di una spalla. L'infortunato è stato portato all'ospedale di Belluno.

http://example.comnews-4681.atom SCIVOLA SUL SENTIERO E PERDE LA VITA - 2018-06-17T06:41:00+02:00 2018-06-18T06:43:11+02:00 Longarone (BL), 17 - 06 - 18

Questa mattina alle 9 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Longarone per una donna caduta lungo il sentiero che dalla Chiesetta di Podenzoi sale al Monte Zucco. Dopo aver percorso circa 200 metri dalla strada, B.O., 86 anni, di Ospitale di Cadore (BL), che con un'amica stava dirigendosi verso la propria casera, era infatti scivolata per qualche metro in un scarpata e aveva battuto la testa su un sasso. Dopo averlo geolocalizzato, una squadra ha raggiunto il luogo dell'incidente, sorvolato in quel momento dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che ha sbarcato tecnico di elisoccorso, medico e infermiere. Subito i soccorritori hanno tentato le manovre di rianimazione, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare. Constatato il decesso, la salma è stata ricomposta, imbarellata e trasportata a spalla fino alla strada, dove attendevano i carabinieri e il carro funebre. 

http://example.comnews-4687.atom Idee per un fine settimana a Belluno - 2018-06-16T07:59:00+02:00 2018-06-19T07:14:01+02:00 3° Torneo di calcio a 5 dell’Alpina, CammiNATURAlmente – Laghetti della Rimonta, Girandoliamo e Natura! Colori, Quartetto di Liuti di Milano - nella Corte di Palazzo Fulcis

3° Torneo di calcio a 5 dell’Alpina
Da sabato 16 giugno a domenica 24 giungo | Località La Rossa – presso il Campo Sportivo, all’insegna dello sport, della musica e del divertimento.

CammiNATURAlmente 2018 – Laghetti della Rimonta, tra ambienti umidi di particolare pregio
Sabato 16 giugno, ore 14.30 | Ritrovo Piazzale Stazione Belluno o Chiesa di Bardies (Mel)
La terza (e ultima) escursione della rassegna, sempre all’insegna della scoperta e della bellezza di una giornata all’aria aperta! Ci sarà spazio per la curiosità in compagnia della guida naturalistica e ambientale Anacleto Boranga. 

Girandoliamo
Domenica 17 giugno | Rifugio Bristot 
Girandole e Natura! Colori, colori e colori!! Un bellissimo laboratorio dove i bambini possono imparare a confezionare coloratissime girandole, attorniati dalla bellezza del paesaggio. 

Quartetto di Liuti di Milano – Il cigno, l’aquila e il biscione. Un bestiario musicale
Domenica 17 giugno, ore 17.30 | Palazzo Fulcis
Un’esperienza strumentale d’altri tempi a cui il quartetto di liuti conferisce un colore speciale e delle sonorità ben studiate. Il tutto accompagnato dalla meravigliosa ambientazione della Corte di Palazzo Fulcis.

http://example.comnews-4675.atom La ricorrenza della morte di Massimiliano imperatore del Messico - Trieste, Museo storico e il Parco del Castello di Miramare - 2018-06-16T07:49:07+02:00 2018-06-16T08:02:33+02:00 Trieste - Martedì 19 giugno 2018 ricorre l’anniversario della morte di Massimiliano d’Asburgo, fucilato il 19 giugno 1867 dalle truppe ribelli a Querétaro,

19 giugno 2018 > 19 giugno 1867 - Il percorso immersivo MASSIMILIANO e MANET permette di riscoprire questa tragica vicenda avvenuta tre anni dopo esser stato proclamato imperatore del Messico, il 10 aprile 1864.

In questa occasione i visitatori potranno rivivere la storia dell’avventura messicana di Massimiliano grazie al percorso immersivo Massimiliano e Manet. Un incontro multimediale, curato da Andreina Contessa, Rossella Fabiani e Silvia Pinna, promosso dal Museo storico e il Parco del Castello di Miramare e prodotto da Civita Tre Venezie e Villaggio Globale International. Il sorprendente itinerario, allestito negli spazi delle Scuderie, rappresenta una sorta di viaggio animato. Attraverso una dimensione immersiva di suoni, proiezioni e ambienti ricreati si raccontano la trama, i personaggi, e i luoghi - da Miramare al Messico a Parigi - che hanno scandito questa storia.  La chiave di lettura per questa narrazione dal forte impatto emotivo è offerta da un particolare punto di vista: l’arte di Manet, il grande pittore francese che denunciò le responsabilità francesi e che, tra il 1867 e il 1868, realizzò quattro versioni dell’Esecuzione di Massimiliano, nessuna delle quali fu mai esposta al pubblico finché l’artista fu in vita. La morte di Massimiliano fu infatti uno scandalo per le implicazioni politiche e culturali che portava con sé: sotto la patina rifulgente della Belle Époque metteva in moto i fermenti che avrebbero condotto alla Prima Guerra Mondiale.

Il percorso permette così di cogliere la portata epocale di questo evento e la grande eco che la notizia ebbe in Europa e soprattutto a Parigi.

Chiude il racconto virtuale una preziosa sezione di testimonianze: i libri della biblioteca di Massimiliano riferiti al Messico e all’America, e altri documenti storici - dai proclami alle stampe sulla sua fucilazione - nonché dipinti conservati nei depositi e in altri ambienti del Castello. Memorie iconiche che preparano a scoprire l’immaginario messicano e la sua rivisitazione artistica in chiave contemporanea grazie ai video di due giovani artisti, Calixto Ramírez e Enrique Méndez de Hoyos, i quali si confrontano con una vicenda cruciale della storia del loro Paese.

IMMAGINI STAMPA Bit.ly/TSMANET

UFFICI STAMPA
Villaggio Globale International - Antonella Lacchin  T 041 5904893, M 335 7185874  lacchin@villaggio-globale.it    
Civita Tre Venezie - Giovanna Ambrosano  T 041 2725912, M 338 4546387  ambrosano@civitatrevenezie.it

SEDE
Scuderie e Castello di Miramare, Trieste

DATE
dal 12 maggio al 30 dicembre 2018

ORARI
tutti i giorni 9.00-19.00  (chiusura biglietteria 18.30)
Ogni venerdì dal 15 giugno al 14 settembre il Castello e le Ex Scuderie saranno eccezionalmente aperti al pubblico dalle ore 9.00 alle ore 22.30 (chiusura della biglietteria alle ore 22.00).

BIGLIETTI
Museo storico di Miramare + percorso multimediale
• intero € 12,00
• ridotto € 6,00: cittadini UE tra i 18 e i 25 anni
• gratuito: cittadini UE di età inferiore ai 18 anni
• l’accesso al parco è gratuito

INFORMAZIONI
www.castello-miramare.it  (+39) 041 224143

PRENOTAZIONI
www.castellomiramare.org   tel. (+39) 041 2770470   lun-ven 9.00-18.00; sab 9.00-14.00
Nel caso di richiesta di guida o operatore didattico da parte di gruppi o scolaresche (min 10 - max 25 persone), la prenotazione va effettuata almeno 15 giorni prima

http://example.comnews-4674.atom Sospirolo, piccolo paese nella grande guerra  - 2018-06-16T07:38:38+02:00 2018-06-16T07:47:35+02:00 Il libro è stato presentato venerdì 15 giugno alle 20.45 presso il Centro Civico di Sospirolo. Moderatrice Alba Barattin.

QUANDO LA STORIA È CORALE: UN PICCOLO PAESE NELLA GRANDE GUERRA
Nel suo nuovo libro Giorgio Tosato ricostruisce la storia di Sospirolo e delle sue montagne tra 1915 e 1918 
  
Sospirolo, 1915. Quel che avvenne in questo piccolo paesino alle porte delle Dolomiti allo scoppio della Grande Guerra è un racconto corale, fatto cioè dai diversi destini di ciascun abitante. Per ognuno una vicenda che da sola meriterebbe un libro e che unita alle altre scrive una pagina di storia unica e straordinaria.

Ha provato a raccontarla Giorgio Tosato, ingegnere sospirolese con la passione per la storia, nel suo ultimo libro: “Un piccolo paese nella Grande Guerra. Sospirolo e le montagne del Canal del Mis 1915-1918”. La sua narrazione prende il via con gli inizi del Novecento, tratteggiando il contesto sociale, economico, culturale di  Sospirolo. Lo sguardo però vola alto, perché attraverso le testimonianze e le documentazioni puntualmente riportate fotografa una situazione che è emblematica dell’intera provincia bellunese.

Nel succedersi degli eventi – lo scoppio della guerra, il rientro degli emigrati, la mobilitazione generale e la chiamata alle armi, la guerra, l’occupazione, la spagnola, il rientro e la ricostruzione – Tosato fa rivivere un mondo agreste e contadino improvvisamente catapultato faccia a faccia con eventi di portata mondiale.
Con un paziente lavoro d’archivio Tosato ha seguito le tracce lasciate dalle centinaia di sospirolesi chiamati a combattere, seguendone le vicende sui diversi  fronti a cui furono destinati: Tre Cime, Isonzo, San Michele, Tofane, San Martino del Carso, Paterno, Sabotino, Valderoa, Caporetto, Macedonia, Albania e l’elenco potrebbe continuare con molte altre località lungo l’intera prima linea italiana. Per la maggioranza di questi uomini il libro di Tosato, pubblicato grazie al sostegno del locale Gruppo ANA, è la prima occasione per rivendicare il diritto alla memoria dopo quasi un secolo di oblio.

Con le vicende degli uomini riemerge anche la storia del territorio: Sospirolo, la Valle del Mis e le Dolomiti. In queste zone correva la Linea Gialla, fronte mancato della grande guerra. Tosato nel libro ne ricostruisce la storia andando a riscoprire opere e reperti sopravvissuti. Un viaggio attraverso le terre e gli uomini che le vissero e che costituisce la testimonianza preziosa di un passato troppo presto dimenticato.

Giorgio Tosato, “Un piccolo paese nella Grande Guerra. Sospirolo e le montagne del Canal del Mis 1915-1918”, Edizioni DBS, Rasai di Seren del Grappa (BL) 2017, EAN 9788833680057, € 25 - 384 pp, colore, copertina cartonata. Clicca qui per sfogliare alcune pagine del libro. 
  
Per informazioni e richiesta materiali a scopo redazionale: Laura Pontin, coordinamento 

http://example.comnews-4673.atom Presentazione del libro: "Il Ponte di Mariano" - 2018-06-16T07:27:14+02:00 2018-06-16T07:34:58+02:00 Venerdì 22 giugno presso Sala ex Asilo Dartora Bolzano Bellunese

"Il Ponte di Mariano"
Piccola storia in 30 pagine a cura di Daniele De Donà e Sergio Rech

http://example.comnews-4679.atom TRAUMA ALLA CAVIGLIA - 2018-06-16T07:08:00+02:00 2018-06-17T07:09:43+02:00 Val di Zoldo (BL), 16 - 06 - 18

Attorno alle 19 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto a Forno di Zoldo, nei pressi di Casera di Mezzodì, dove un'escursionista si era procurata un probabile trauma alla caviglia. Dopo essere atterrati, i soccorritori hanno prestato le prime cure alla donna, la hanno imbarcata e trasportata all'ospedale di Belluno. 

http://example.comnews-4678.atom INTERVENTI IN MONTAGNA - 2018-06-16T07:06:00+02:00 2018-06-17T07:08:03+02:00 Belluno, 16 - 06 - 18

Questa mattina alle 8 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Torre Trieste, dove una coppia di alpinisti aveva passato la notte. Salendo, infatti, i due erano stati colpiti da una scarica di sassi, che aveva colpito alla schiena la donna, S.P., 45 anni, di Pisa, e aveva tranciato una delle corde. Recuperati con un verricello di 10 metri, i due sono stati trasportati a valle e la rocciatrice è stata accompagnata dall'ambulanza all'ospedale di Agordo. Nel primo pomeriggio l'eliambulanza è intervenuta a Cortina d'Ampezzo, sullo Spigolo Alverà - Menardi al Col dei Bos. Prima di una cordata di tre, un'alpinista di Prato, E.M., 45 anni, era volata per 15 metri, finendo in una stretta fessura. Sbarcato in parete, il tecnico di elisoccorso ha attrezzato una sosta e, aiutato da due soccorritori del Sagf e dal medico, è riuscito ad estrarre l'infortunata, imbarellata e recuperata con un verricello di 40 metri. La scalatrice è stata portata all'ospedale di Treviso con un possibile politrauma. Il Soccorso alpino di Alleghe è stato invece allertato dal 118 per un pescatore scivolato una decina di metri dalla scarpata del torrente Cordevole. Raggiunto e imbarellato, I.D.C., 49 anni, di Teramo, è stato poi affidato all'ambulanza diretta ad Agordo. Una squadra del Soccorso alpino di Belluno è infine intervenuta in Valle del Mis, a Sospirolo. Per scattare fotografie, R.R., 63 anni, di San Zenone degli Ezzelini (TV), era caduto in uno dei cadini del Brenton e non riusciva più ad uscirne. I soccorritori lo hanno quindi recuperato e riportato sul sentiero

http://example.comnews-4677.atom SENZA ESITO RICERCA ODIERNA IN VAL TOVANELLA - 2018-06-16T07:04:00+02:00 2018-06-17T07:06:20+02:00 Ospitale di Cadore (BL), 16 - 06 - 18

Neppure la ricerca odierna è riuscita a far luce sulla scomparsa di Giocondo Ghirardo, 78 anni, di Vittorio Veneto (TV), di cui si sono perse la tracce dallo scorso venerdì, quando, dopo essere partito in mattinata dalla propria abitazione, ha parcheggiato l'auto all'imbocco della Val Tovanella. Posto il campo base a Davestra alle 7, le squadre impegnate nella ricerca hanno perlustrato vaste aree in sinistra e destra orografica rispetto al fiume Piave. Il Gruppo forre ha nuovamente disceso la gola della Val Tovanella. Una quarantina di persone tra Soccorso alpino di Longarone, Centro Cadore, Valle di Zoldo, Prealpi Trevigiane, con un'unità cinofila, Sagf di Auronzo e Cortina, Vigili del fuoco. Il Soccorso alpino resta a diaposizione a riprendere le ricerche in caso di segnalazioni o informazioni che possano dare nuove indicazioni.

http://example.comnews-4672.atom Comune di Feltre - Quel bicchiere mezzo pieno. Aperitivo di storie, idee, visioni, creatività e imprenditoria - 2018-06-15T08:24:38+02:00 2018-06-15T08:29:14+02:00 SABATO 16 GIUGNO ore 17:00 al Coworking "BORGO RUGA 20 STUDIO" in via Borgo Ruga 20 a Feltre

QUEL BICCHIERE MEZZO PIENO. APERITIVO DI STORIE, IDEE, VISIONI, CREATIVITA' E IMPRENDITORIA
Sabato 16 giugno torna l'appuntamento mensile del ciclo di incontri “Quel bicchiere mezzo pieno”, giunto al suo terzo aperitivo di storie, idee, visioni, creatività ed imprenditoria. L'incontro si terrà dalle 17.00 alle 18.00 al Coworking “BORGO RUGA 20 STUDIO” in via Borgo Ruga 20 a Feltre e la prima testimonianza sarà quella delle coworker di “Borgo Ruga 20 Studio”. Parola poi a Roberta Venturin di House project, convivenza tra giovani e a Dolomiti Nerd, spazio di innovazione, creatività e giochi ai piedi delle montagne patrimonio Unesco. L'evento, a ingresso libero, è promosso dall'assessorato alle attività produttive e politiche del lavoro, politiche giovanili del Comune di Feltre e mira a valorizzare storie personali e luoghi della città.

Per info: Centro Giovani 0439/885361.

http://example.comnews-4676.atom VAL TOVANELLA: NUOVA RICERCA DOMANI - 2018-06-15T08:03:00+02:00 2018-06-16T08:04:38+02:00 Ospitale di Cadore (BL), 15 - 06 - 18

A seguito di un vertice in Prefettura, è stato concordato di procedere domani, 16 giugno, a una ulteriore ricerca nella zona di Ospitale di Cadore, dove venerdì scorso è stata rinvenuta parcheggiata l'auto di Giocondo Ghirardo, 78 anni, di Vittorio Veneto (TV), partito la mattina stessa dalla propria abitazione e mai rientrato. A partire dalle 7, dopo il ritrovo al campo base in zona Davestra, le squadre di Soccorso alpino, Vigili del fuoco, Sagf, Carabinieri forestali, perlustreranno l'area già oggetto delle ricerche e le zone limitrofe. 

http://example.comnews-4671.atom CENTORIZZONTI 2018 ÀMBITI, VILLE BORGHI PAESAGGI - DOMENICA 17 GIUGNO AD ALANO DI PIAVE, BELLUNO, - 2018-06-15T07:52:43+02:00 2018-06-15T08:23:58+02:00 DOPO IL PERCORSO A PIEDI DA BORGO SAN LORENZO A VAIEI, LO SPETTACOLO “RAMPEGARE. IL PASSO SECONDO LA GAMBA”

L’APPUNTAMENTO “DESIDERI DI NATURA, NECESSITA’ DI LUOGHI”:  CON MARTA E DIEGO DALLA VIA ED ELISABETTA GRANARA
Sarà un pomeriggio “in salita”, che inizierà con una pittoresca camminata e terminerà con una “arrampicata” in senso metaforico: infatti nell’arrampicata, come nella vita, non c’è niente da vincere e anche se si arriva in cima, si deve sempre tornare alla polvere. Ecco che lo spettacolo della compagnia vicentina diviene “un manuale semiserio per salire, o almeno scendere, in sicurezza la parete nord della propria esistenza”.

Centorizzonti 2018. ÀMBITI, ville borghi paesaggi, progetto culturale in rete che riunisce 12 Comuni trevigiani e bellunesi, condiviso con la Regione Veneto e con la direzione artistica di Echidna Cultura, esordisce nel Bellunese portando ad Alano di Piave domenica 17 giugno la proposta dal titolo “Desideri di natura, necessità di luoghi”, che si comporrà di due momenti: il percorso a piedi da Borgo San Lorenzo alla località Vaiei alle 16.30 e a seguire, alle 18.00, la proposta teatrale della compagnia vicentina Fratelli Dalla Via e del Gruppo di Teatro Campestre di Elisabetta Granara “Rampegare. Il passo secondo la gamba”.

Scoprire e riscoprire paesaggi trevigiani e bellunesi attraverso lo sguardo dell’arte dal vivo, conoscere con gli artisti paesaggi emozionali dalle radici comuni, storie rurali, tracce medievali e àmbiti della civiltà della villa veneta: il fil rouge che tra giugno e luglio ci conduce in nove dei dodici comuni della rete Centorizzonti, con altrettante proposte inserite nel programma Centorizzonti 2018. ÀMBITI, ville borghi paesaggi, è l’ambizione di svelare e condividere la bellezza contemporanea dei territori, amplificandola attraverso le emozioni suscitate dal teatro, dalla musica, dallo spettacolo.

Il pomeriggio ad Alano di Piave, organizzato in sinergia con l’Unione Setteville e Terre del Basso Feltrino (terredelbassofeltrino.it) spazierà tra momenti di svago e momenti di conoscenza e scoperta del paesaggio, come è consuetudine e tratto di riconoscimento del progetto culturale in rete che promuove identità e appartenenza, capacità attrattiva e conoscenza del territorio. Si  inizierà con il ritrovo alle 16.30 in via Montegrappa 84 e da qui si proseguirà, accompagnati dal racconto di Amalia Codemo, storica e amata maestra di Alano di Piave, verso il piccolo borgo e l’oratorio dedicato a San Lorenzo, per raggiungere infine alle 17.30 la località Vaiei, dove alle 18.00, nel verde del prato, andrà in scena “Rampegare. Il passo secondo la gamba”, “uno studio drammaturgico in una palestra naturale di arrampicata all’aperto” o anche “un manuale semiserio per salire, o almeno scendere, in sicurezza la parete nord della propria esistenza”.

Dalla camminata all’arrampicata, metafora della vita: “Abbiamo scelto di rampegare, cioè arrampicare – spiegano Marta e Diego Dalla Via, artisti destinatari nel 2013 del Premio Scenario, massimo riconoscimento nazionale per le compagnie emergenti – perché nella nostra società siamo tutti alpinisti improvvisati, e ogni giorno finiamo con l’aggrapparci alle poche certezze che restano sullo sfondo di un presente precario. Per formazione e spesso per necessità siamo scalatori di classifiche, sempre appesi a un filo o arrampicatori sociali su specchi impietosi che non ci permettono né appigli né sicurezze. Quando va male, poi, siamo cittadini in caduta libera alla ricerca di un rassicurante contatto col suolo, nella speranza di non farci troppo male”.

Non va dimenticato – precisano i due attori - autori – che le discipline legate all’arrampicata e in generale alla montagna si basano soprattutto sul rispetto della natura e sull’esperienza del limite, due dimensioni che oggi tendono a sfuggire. Così come accade nella vita, in parete, non c’è niente da vincere, perché anche se arrivi sulla cima, devi sempre tornare alla polvere ripercorrendo con attenzione la via appena tracciata”.

Con Marta e Diego Dalla Via, “Rampegare” vede la presenza di Elisabetta Granara, attrice ligure e veneta d’adozione, che con il suo Gruppo di Teatro campestre si dedica da alcuni anni a produzioni contemporanee.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nel Centro culturale di Quero (Belluno), la passeggiata sarà annullata.

Il programma di Centorizzonti 2018. ÀMBITI, ville borghi paesaggi proseguirà domenica 24 giugno tornando nella Marca Trevigiana: l’arte dal vivo farà da ponte tra Caerano di San Marco (Treviso) e Maser (Treviso) per una intera giornata intitolata “Incanti, una giornata particolare. Tra ville di delizia e tracce medioevali”.

Il progetto prevede in tutto dieci appuntamenti tra maggio e luglio, che vedono protagonisti artisti di fama nazionale e grande talento ma veicolano anche sorprendenti nuove proposte: tra questi quattro prime regionali, passeggiate in ambienti naturali, visite guidate, racconti dei luoghi e cene in ville, siti medioevali o rinascimentali,  attraverso borghi e contrade. I Comuni coinvolti sono Alano di Piave, Altivole, Asolo, Caerano di San Marco, Castelfranco Veneto, Castello di Godego, Maser, Possagno, Resana, Riese Pio X, Quero – Vas.

Per informazioni: www.echidnacultura.it, www.terredelbassofeltrino.it
Biglietti e prenotazioni: biglietto intero € 10,00, ridotto € 8,00 (residenti e riduzioni), € 3,00 fino ai 13 anni
info@echidnacultura.it; tel. 041412500 – 3409446568 (martedì, giovedì, venerdì ore 9.00 – 13.00; lunedì e mercoledì ore 14,30 - 18,30)   

Ufficio stampa Centorizzonti 2018
  Ilaria Tonetto | mob. 348 8243386  ilaria@koinecomunicazione.it

http://example.comnews-4670.atom CASTELLO DI ZUMELLE: LE MILLE E UNA NOTTE - CENA SPETTACOLO MAROCCHINA! - 2018-06-15T07:41:40+02:00 2018-06-15T07:52:22+02:00 23 giugno 2018 Ore 20 - Non mancate alla prima Mille e una notte al Castello di Zumelle!

Fantastiche pietanze marocchine potranno essere gustate mentre i veli di una suadente danzatrice vi accompagneranno in un mondo tutto da scoprire!

Menù della serata:

Datteri marocchini di benvenuto
Falafel con insalatina marocchina
Cous Cous di pollo e verdure
Tagen di manzo con prugne
Dolcetti e tè marocchino

Costo cena e spettacolo:
30 euro adulti e bambini sopra gli 8 anni
20 euro bambini dai 3 agli 8 anni


30 giugno-1° luglio 2018 - Il farwest approda a Zumelle!
Il 30 giugno e 1 luglio non mancate alla novità dell’estate: Zumelle Western
Un evento imperdibile per grandi e piccini con spettacoli equestri, gare di birra, animazione per bambini e lo spiedo gigante!
Cavalli, cowboy, pellerossa e molto altro faranno vivere il mito del selvaggio ovest!
Vi sembrerà di entrare in un film di Sergio Leone grazie alle spettacolari ambientazioni!
Non potete mancare!

Per info mandare un' email ad eventi@castellodizumelle.it
 
CASTELLO DI ZUMELLE  Via San Donà 4   32026 Mel (Belluno)

http://example.comnews-4669.atom Turismo Mel - riapertura punto vendita prodotti agricoli locali - 2018-06-15T07:31:45+02:00 2018-06-15T07:41:16+02:00 SABATO 16 GIUGNO 2018 riapre il PUNTO VENDITA PRODOTTI AGRICOLI  LOCALI  in Via Croce Ponte Ardo, Comune di Mel, Strada Provinciale 1  Mel – Trichiana.

Nella caratteristica casetta di legno,  direttamente dai produttori agricoli dell’Associazione” Mele a Mel” e della Cooperativa Agricola ”La Fiorita”,  potrete   acquistare  prodotti di stagione: frutta e verdura , coltivati nel nostro territorio la Valbelluna, raccolti  freschi, di qualità e a prezzi convenienti, a  “chilometri zero”.
Trovate anche   tante specialità da provare e gustare,  confezionate con materie prime locali.
Direttamente dagli orti alle vostre tavole !!!
Nella foto, locandina con  gli orari di apertura

Vi aspettiamo dunque Sabato 16 alle ore 10.00 per festeggiare insieme la riapertura del punto vendita con un simpatico rinfresco !

http://example.comnews-4668.atom Museo di Storia della Medicina di Padova - Prorogata la mostra "Venire alla Luce - Dal concepimento alla nascita" - 2018-06-15T07:22:11+02:00 2018-06-15T07:31:20+02:00 Padova, 14 giugno 2018. L’apertura della mostra "Venire alla Luce: dal concepimento alla nascita" è stata prorogata fino al 30 settembre 2018.

Un successo dell’esposizione e del  MUSME, testimoniato dai dati complessivi di questi tre anni di lavoro: 120.000 visitatori; 1.500 visite guidate scolastiche, con un netto aumento di prenotazioni per l’anno scolastico in corso; oltre 600 gruppi; più di 500 eventi e 4 percorsi tematici. Raggiunto il primo posto su TripAdvisor nell’ambito della classificazione dei Musei storici di Padova e il terzo in quella complessiva riguardante le cose più interessanti da vedere in città.

Realizzata con il contributo scientifico dell’Università di Padova, il percorso tematico è curato dal Prof. Giovanni Battista Nardelli del Dipartimento di Salute della Donna, dal Prof. Maurizio Rippa Bonati del Dipartimento di Scienze Cardiologiche Toraciche e Vascolari, in collaborazione con il Prof. Raffaele De Caro e il suo team del Dipartimento di Neuroscienze, con il contributo del dott. Andrea Cozza, sotto la supervisione del comitato scientifico del Museo, presieduto dal Prof. Vincenzo Milanesi.  Attraverso le collezioni storiche della Clinica Ginecologica dell’Università di Padova e installazioni multimediali, exhibit interattivi e video in 3d, l’esposizione accompagna il visitatore attraverso l’evoluzione dell’essere umano. Il percorso, coniugando passato e presente, storia e tecnologia, in piena continuità con l’approccio del MUSME, permette di assistere alla  crescita nel grembo materno. Le preziose collezioni dell’Università di Padova presentano modelli anatomici, in cera e cristallo e creta, esposti al pubblico per la prima volta, risalenti alla seconda metà del ‘700, che costituiscono un’occasione unica per avventurarsi nella storia dell’ostetricia e seguire il suo passaggio da arte manuale a scienza.

I modelli esposti sono tra i primi, a livello mondiale, usati in questo contesto. È il medico bolognese Luigi Calza (1737-1784), fondatore del Primo Gabinetto Ostetrico, a Padova nel 1765, a farli realizzare, quattro anni dopo, al ceroplasta Giovan Battista Manfredini e allo scultore Pietro (o Giovan Battista) Sandri.  Le cere, di cui è presente una preziosa selezione, rappresentano l'apparato riproduttore femminile e il feto, nonché alcune tappe cronologiche della gravidanza e del parto. Le crete raffigurano le varie presentazioni fetali e originariamente erano costituite da componenti mobili (ora saldamente ancorate) affinché gli allievi medici e le levatrici potessero esercitarsi sui meccanismi del parto. Dal forte impatto visivo, questi modelli permettono al visitatore non solo di conoscere la storia della ginecologia e dell’ostetricia, ma anche di ripercorrere alcune tappe fondamentali dell’insegnamento dell’epoca, “entrando” in una sorta di laboratorio dove ogni esemplare racconterà le idee, gli studi e gli esperimenti, che animavano le università.

Completa il nucleo della collezione una raccolta di strumenti chirurgici iniziata da Rodolfo Lamprecht (1781-1860), con il quale nel 1819 viene fondata la Clinica Ostetrica, nell’Ospedale Civile di Padova, oltre a preparati anatomici, tavole didattiche (realizzate a mano con tecnica ad acquerello o con stampa tipografica editoriale policroma), strumenti per il parto risalenti al XIX e XX secolo e il primo ecografo acquistato in Italia, a Padova, nel 1969.

In linea con la natura high-tech del Museo, non mancano postazioni multimediali e interattive, cui si affianca un video in 3d che mostra il contrasto – come evoca il titolo della mostra – fra la dimensione ovattata, buia e protetta, nella quale si trova il feto durante la gravidanza, e quella luminosa in cui è immerso dopo la fuoriuscita dall’utero, iniziando un’esistenza sempre più autonoma.

Ufficio Stampa
Civita Tre Venezie

Giovanna Ambrosano  ambrosano@civitatrevenezie.it  041 2725912; 3384546387
Angela Bigi  bigi@civitatrevenezie.it  3489046537

Musme
Via San Francesco, 94  35121 Padova

Informazioni
049 658767  info@musme.it  www.musme.it

Orari di apertura
Da Martedì a Venerdì, 14.30-19  ultimo ingresso 18.15
Mattina aperto solo su prenotazione
Weekend e festività: 9.30-19  ultimo ingresso 18.15
Chiuso: Lunedì non festivi, 25 Dicembre, 1 Gennaio

Biglietti
Intero 10 €
Ridotto Gruppi dalle 10 alle 30 persone 8 €
Ridotto Giovani e studenti 6 €
Famiglia (2 adulti + 3 bambini fino a 12 anni compiuti) 22 €
Gratuito bambini fino a 3 anni

http://example.comnews-4667.atom Comune di Feltre - Eventi del Fine Settimana - 2018-06-14T07:04:59+02:00 2018-06-14T07:11:02+02:00 DA GIOVEDI' 14 GIUGNO A DOMENICA 17 GIUGNO

GIOVEDI' 14 GIUGNO ore 21:00 al Teatro de la Sena: OMAGGIO AD ADRIANO BANCHIERI NEL 450° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA
La rassegna di Musica in Sena, con la direzione artistica di Piervito Malusà, è ormai arrivata al suo ultimo appuntamento.
In questa occasione il Coro da Camera ed Ensemble vocale-strumentale Voices Wind & Violes del Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto si esibirà in musiche da La barca di Venetia per Padova di Adriano Banchieri, noto compositore, musicista e poeta del tardo Rinascimento e dell'inizio dell'era barocca. Il Coordinamento è di Gianmartino Durighello, Simone Erre e Paolo Zuccheri.
La versione che sarà rappresentata è quella del 1623, la prima invece è del 1605, e si presenta parzialmente dinamica, con un dialogo immediato, adatta ad un pubblico che vuole divertirsi. Interessante è anche il carattere storico della rappresentazione con il riferimento a quando le vie d'acqua erano considerate importanti vie di comunicazione.
L'evento è sostenuto dalla Camera di Commercio di Treviso e Belluno.Ingresso intero € 10, ridotto € 5.
Prenotazione obbligatoria al sito: http://www.visitfeltre.info/it/eventi/omaggio-ad-adriano-banchieri-nel-450%C2%B0-anniversario-della-nascita   Per ulteriori informazioni: 0439885242 – museo@comune.feltre.bl.it

GIOVEDI' 14 GIUGNO ore 20:30 all'Auditorium dell'Istituto Canossiano: SANDI IN...CANTA
La scuola di musica comunale "Francesco Sandi" presenta Sandi "In...canta" il concerto della classi di Modern Music. L'evento è aperto a tutti.

VENERDI' 15, SABATO 16 E DOMENICA 17 GIUGNO al Fondaco delle Biade: MOSTRA "LINGUAGGI DIVERSI TRA ASTRAZIONE, PSICHE E REALTA'"
Ultimo fine settimana per poter visitare la rassegna d'arte collettiva dal titolo "Linguaggi Diversi tra Astrazione Psiche e Realtà", organizzata dall'Associazione artistico – culturale feltrina IncontrArte. La mostrà terminerà il 17 giugno ed osserva i seguenti orari: mercoledì e venerdi dalle 17:30 alle 19:30, sabato e domenica dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:30 alle 19:30. L'ingresso è libero.

VENERDI' 15 GIUGNO ore 16:00 al Teatro de la Sena: INAUGURAZIONE DELLA TORRE DELL'OROLOGIO DEL CASTELLO DI FELTRE
Venerdì 15 giugno prossimo, alle ore 16.00, presso il Teatro de la Sena sarà inaugurata la Torre dell'Orologio del Castello, recentemente ristrutturata. Dalla Torre sarà possibile godere della vista a volo d'uccello sulla sottostante Piazza Maggiore, ma anche seguirne le fasi evolutive, dopo l'incendio del 1510, grazie alle nuove tecnologie digitali della “Finestra del Tempo”, rivedendo nella loro concretezza edifici ormai scomparsi. La Torre fa parte delle strutture appartenenti al circuito TOTEM/Feltre al varo proprio il 15 giugno con la possibilità di accedere alla Torre, al Teatro e ai Musei civici a prezzo agevolato tramite una card in due tipologie, per singoli e famiglie.
I posti in Teatro sono limitati e pertanto è obbligatoria la prenotazione collegandosi al sito www.visitfeltre.info. Per informazioni: 0439/885242.

VENERDI' 15 GIUGNO ore 17:00 nel Coworking “BORGO RUGA 20 STUDIO”, via Borgo Ruga 2, Feltre: "QUEL BICCHIERE MEZZO PIENO. Aperitivo di storie, idee, visioni, creatività e imprenditoria"
Il ciclo di incontri “Quel bicchiere mezzo pieno” è giunto al suo terzo aperitivo di storie, idee, visioni, creatività ed imprenditoria. Venerdì l'incontro si terrà al Coworking “BORGO RUGA 20 STUDIO” in via Borgo Ruga 20 a Feltre e la prima testimonianza sarà quella delle coworker di “Borgo Ruga 20 Studio”. Parola poi a Roberta Venturin di House project, convivenza tra giovani e a Dolomiti Nerd, spazio di innovazione, creatività e giochi ai piedi delle montagne patrimonio Unesco.
L'evento, a ingresso libero, è promosso dall'assessorato alle attività produttive e politiche del lavoro, politiche giovanili del Comune di Feltre e mira a valorizzare storie personali e luoghi della città.
Per info: Centro Giovani 0439 885361.

VENERDI' 15 GIUGNO ore 19:00 all'Antica Osteria da Casot: "FEMMINISTE. UNA STORIA DI OGGI", Inaugurazione della mostra e presentazione del libro di Antonella Selva
In questo doppio appuntamento si inaugurerà la mostra di 18 tavole illustrate, tratte dal romanzo a fumetti di Antonella Selva, che sarà presentato nell'occasione. Tre donne, diverse per cultura, età, provenienza e classe, sperimentano nell’incontro con l’altra l’effetto straniante dell’impatto con modelli differenti di protagonismo femminile. Irma ha quasi 60 anni, un passato di lotte di piazza e un impiego da insegnante in un istituto superiore di Bologna. Hayat ha 30 anni, viene da un piccolo paese del Marocco e cerca un lavoro per sostenere la famiglia. Afkar ne ha 17 ed è nata in Italia da una famiglia marocchina. Le loro tre storie si intrecciano, si equivocano, si scontrano, e, forse, le aiuteranno a capirsi.
L'evento è promosso dalla Commissione delle Pari Opportunità del Comune di Feltre.
La partecipazione è gratutita ed aperta a tutti.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito: www.visitfeltre.it

SABATO 16 GIUGNO ore 15:00 in via Campogiorgio: MINI GRANFONDO SPORTFUL – FRANCO BALLERINI
La SSD Pedale Feltrino organizza la 19^ Mini Granfondo Sportful – Franco Ballerini. La manifestazione è dedicata ai ciclisti più piccoli che possono scegliere, in base al loro allenamento, il percorso più lungo o quello più breve. Parteciperanno alla gara ben tre campioni: Joachim “Purito” Rodriguez, Paolo Bettini e Franco Pellizzotti.
Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito internet: www.gfsportful.it/mini-gf

SABATO 16 GIUGNO dalle ore 19:00 alle ore 24:00 in Largo Castaldi e in Centro Storico: FESTA DELLA MUSICA
Allievi delle scuole di musica, artisti e gruppi musicali si esibiranno per le vie e le piazze del centro storico cittadino in concerti musicali di vario genere e stile. Note di jazz, arie antiche, sonorità etniche, musica pop, rock e di canti tradizionali e popolari si diffonderanno nell'aria per tutta la sera. La manifestazione sarà inaugurata, per la prima volta, dagli alunni delle scuole di musica che si cimenteranno, in Largo Castaldi, nei pezzi studiati durante l'anno.
La Festa della Musica è una ricorrenza europea, ideata nel 1985 in Francia.
L'evento è realizzato in collaborazione con la Banda Città di Feltre.
Per ulteriori informazioni e per conoscere la scaletta della serata è possibile visitare il sito: www.visitfeltre.info

DOMENICA 17 GIUGNO alle ore 7:00 in via Campogiorgio: partenza della GRANFONDO SPORTFUL DOLOMITI RACE
La SSD Pedale Feltrino è arrivata alla 24ma organizzazione di una delle Granfondo più conosciute e dure del ciclismo. Sono stimati più di 4000 partecipanti da 30 paesi del mondo. I percorsi si snodano tra i passi più famosi, e faticosi, delle Dolomiti, patrimonio Unesco. Partenza e arrivo a Feltre.
Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito internet: www.gfsportful.it

DOMENICA 17 GIUGNO dalle ore 15:00 alle ore 18:00, in vari monumenti della città e delle frazioni: DOMENICHE D'ARTE
Il gruppo Raccontarte presenta la prima delle Domeniche d'arte: alcuni siti di importanza storico – artistica saranno visitabili con spiegazione. E' prevista anche un'attività extra: una passeggiata tra Mugnai e Farra di Feltre accompagnati da Lucio Dorz. Al termine è previsto un concerto di Lorenzo Gasparo alla chitarra classica nella chiesa di Santa Elisabetta a Mugnai, aperto a tutti.
Per conoscere i siti visitabili è possibile consultare sito internet del gruppo Raccontarte.
Per iscriversi alla passeggiata o avere altre informazioni è possibile conttare il numero: 3890933844.

http://example.comnews-4666.atom Luciano Civettini - Le Notti Insonni di Cezanne: pitture e oggetti - 2018-06-14T06:53:49+02:00 2018-06-14T07:04:03+02:00 inaugurazione: venerdì, 15 |06 alle 19.00, Galleria Contempo, via Tomaso Maier 48 A Pergine Valsugana (TN) 38057

Civettini  di sua mostra :

"Per quanto mi riguarda, la pittura è sempre  illusione, specchio. Anche quando raffigura la “realtà”: La differenza fra “illusione” e “gioco” - perdonatemi il gioco di parole - è illusione! E’ partendo da questo presupposto che affronto Cezanne nelle sue notti insonni ( peraltro non documentate). Con un gioco di specchi, di illusioni. A mia memoria, di Cezanne  non esistono notturni; certo, alcuni dipinti più cupi sicuramente si, specie prima del periodo impressionista, ma non notturni. Lo immagino spesso  di ritorno da una seduta di pittura, a tarda sera, magari sotto un temporale estivo. Lui che, cavalletto in spalle, cercava di imprigionare la luce che scaturiva dal mezzogiorno francese: ma, forse, alla ricerca di una “ Luce”  più spirituale. E la cercava - meraviglioso paradosso -, nelle notti (insonni), sotto un cielo d’agosto. Notti illuminate dal lampo che, come ci ricorda Eraclito, “governa ogni cosa”. Mi sorprendo  spesso ad osservarlo ( la pittura ci permette questi salti temporali ) mentre se ne sta al cavalletto intento nel “fermare” la luce di una fiamma accesa per rassicurarlo.

Ma d’altro canto la luce non esiste senza il buio. E l’illusione della pittura  senza la realtà."

La mostra è aperta dal15 |06 al 03|07|2018
inaugurazione : venerdì, 15 |06 alle 19.00  Galleria Contempo  via Tomaso Maier 48 A  Pergine Valsugana (TN) 38057  tel. 3405682286  email: dorabulart@gmail.com  www.galleriacontempo.com  www.facebook.com/GalleriaContempoPergine

orari:
tutti I giorni 10-12 e 15-19 ,
domenica e lunedi` su appuntamento

bio
Luciano Civettini ( 1967,Trento)  ha frequentato la scuola d’arte  di Trento  e l’Accademia di belle arti di Venezia. Dall'inizio degli anni '90 espone in gallerie pubbliche, musei e gallerie private in Italia, Germania, Bulgaria, Svizzera, Francia, Austria,  Emirati  Arabi e Stati Uniti. Sue opere sono in collezione presso musei e enti pubblici come la Deutsche bank di Lipsia (D), la Kunstverein di Bielefeld (D), il Museo Arte Contemporanea di Trento e Rovereto ; il Museo della Guerra di Rovereto ecc.  Ha  partecipato a Lo stato dell'arte - Trentino Alto Adige, a cura di Vittorio Sgarbi, promossa dal Padiglione Italia nell'ambito della 54^ edizione della Biennale di Venezia;  Italian Pop Surrealism a cura di Andrea Oppenheimer - mostra antologica,  che ha presentato al pubblico italiano e internazionale i più grandi talenti del Pop Surrealism “made in Italy” e per due volte ha partecipato alla Biennale Internazionale Intergraf a Udine. Ha presentato la sua ricerca artistica nel campo di pop surrealismo in mostre personali e collettive a Roma, Milano, Verona, Trento, Bolzano, Rovereto, Bielefeld, Wiesbaden, Dortmund, Hannover, Amburgo, Parigi, Salisburgo, Dubai e Pasaden.
Vive e lavora a Rovereto.

http://example.comnews-4665.atom Dolomiti Contemporanee alla Biennale nomade d'Europa Manifesta12 a Palermo, capitale Italiana della Cultura 2018 - 2018-06-14T06:42:27+02:00 2018-06-14T06:53:05+02:00 Dolomiti Contemporanee partecipa a Border Crossing, progetto parte di Maniftesta 12, la Biennale nomade europea che si svolge a Palermo tra il 16 giugno al 4 novembre 2018.

Dopo la Biennale di Architettura di Venezia, un altro viaggio nella cultura della rigenerazione del Patrimonio del paese-Italia, attraverso le buone pratiche e l'arte contemporanea.

DC è nel programma di Domora Oz, e, il 14 e 15 giugno, partecipa ad una serie di incontri e talk, insieme ad alcuni dei progetto artistici e culturali più interessanti e sperimentali d'Italia, che legano l'arte alla rigenerazione dei territori: A Cielo Aperto, Atla(s)now, Bridge Art, Casa Sponge, Dimora Oz, Dolomiti Contemporanee, Liminaria, Nosadella.due, Ramdom, RAVE East Village Artist Residency, Site Specific, Spazio Y, Tenuta Dello Scompiglio).
Tema della 12esima edizione di Manifesta è: Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza.
Gli incontri si realizzano all'inerno di KaOz, Via Francesco Riso 55 Palermo.
Il progetto è sytato presentato all'Università La Sapienza di Roma lo scorso 23 maggio.
Il format BORDER CROSSING, curato da Bridge Art, prevede una sinergia tra diverse realtà attive nel campo dell'arte contemporanea, dove lo spirito della comunità è un tutt'uno con quello della ricerca.
A partire dal Nord, passando per il Centro fino al Sud e con un focus su alcune realtà siciliane come luoghi di residenza e resistenza, il progetto forma un’autostrada ideale.
Un viaggio attraverso l’Italia per approdare a Palermo – scrive Lori Adragna, di Bridge Art – una città complessa in fase di rinascita, dove le tappe raccontano la criticità dei luoghi e la risoluzione dei problemi applicata dagli operatori culturali, dagli artisti e dalle comunità creative”.
La quale frase ci riconnette ad un altro viaggio in Italia, quello di Arcipelago Italia, compiuto da Mario Cucinella, architetto curatore del Padiglione Italia della Biennale di Architettura 2018. Dolomiti Contemporanee è inclusa in Arcipelago Italia (fino al 24 novembre, Tese dell'Arsenale, Venezia), che è una ricognizione sulle aree interne del nostro paese, e dei migliori progetti e pratiche che operano alla sua valorizzazione e rigenerazione. Una grande, emblematica immagine del Vajont visto attraverso il Nuovo Spazio di Casso accoglie i visitatori del Padiglione, nel quale molto spazio è riservato a Progettoborca.

A questo link un'informazione.

Info:
press@dolomiticontemporanee.net   info@dolomiticontemporanee.net   www.dolomiticontemporanee.net

http://example.comnews-4663.atom cammiNATURAlmente di Primavera - 2018-06-13T06:41:12+02:00 2018-06-13T06:47:30+02:00 La terza uscita di sabato pomeriggio 16 giugno avrà per meta i LAGHETTI DELLA RIMONTA

Prosegue  camminaNATURAlmente, un ciclo di escursioni naturalistiche ed ambientali, programmate dalla Biblioteca Civica di Belluno, che continuano a riscuotere l’interesse di un pubblico numeroso.
Conduce Anacleto Boranga, guida e divulgatore naturalistico - ambientale

La terza uscita di sabato pomeriggio 16 giugno avrà per meta i LAGHETTI DELLA RIMONTA
…Là dove serpeggia minaccioso un drago
…là dove trovano sosta, riparo e cibo volatili “migranti”
…là  dove artisti hanno lasciato opere curiose e pregevoli
…là  dove interessanti specie botaniche  in fiore  allietano il cammino.

Informazioni ed iscrizioni (obbligatorie) presso la Biblioteca Civica di Belluno o telefonando al n° 0437 948093 – Massimo partecipanti n°30.

Anacleto Boranga  tel 0437 926732

http://example.comnews-4662.atom Turismo Mel - Presentazione volume "Tesori d'Arte Sx Piave" e "Con la terra sotto i piedi" - 2018-06-12T08:17:56+02:00 2018-06-12T08:27:50+02:00 La presentazione del volume monografico "Tesori d'arte nelle chiese del Bellunese. Sinistra Piave" si terrà venerdì 15 alle ore 18.30 nella Chiesa di San Bernardo a Cesana di Lentiai.

Interverranno i curatori Chiara D’Incà, Luca Majoli e Silvana Rotondo della Soprintendenza Archeologia, del territorio belle arti e paesaggio.
Il volume, ottava pubblicazione che va ad arricchire la collana ”Tesori d’Arte” nata nel 2003,ricostruisce attraverso i segni e i simboli del sacro  la storia dei territori delle cinque antiche pievi affacciati sulla sinistra orografica del Piave: Trichiana, Mel, Lentiai della Diocesi di Vittorio Veneto, Limana e Castion appartenenti alla Diocesi di Belluno.
Un territorio geograficamente omogeneo ma caratterizzato da differenti vicende politiche, sociali ed economiche in quanto area di transizione tra Bellunese e Trevigiano.
Il volume è stato realizzato dalla Provincia di Belluno in collaborazione con  la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e per le province di Belluno, Padova e Treviso, la Diocesi di Belluno-Feltre, la Diocesi di Vittorio Veneto, il Gal Prealpi e Dolomiti, i Comuni di Lentiai, Mel, Trichiana, Limana e Belluno.

Vi ricordiamo inoltre che continuano le presentazioni, i cammini ed esplorazioni nella rassegna  “CAMMINA CON ME 2018”
Presentazione del libro e del documentario “Con la Terra sotto i piedi” di Andrea Bianchi
GIOVEDI 14 GIUGNO   ORE 20.30  PRESSO IL MUNICIPIO DI LIMANA

Dal fondatore della prima scuola italiana di “Barefoot Hiking”, un saggio che svela i benefici per il corpo e per la mente del camminare scalzi nella natura, narrato per immagini e voce un cammino a piedi nudi che percorre alcuni dei luoghi più belli delle Dolomiti.
Sarà presente l’autore