Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

SlowMachineOnAir

ECP_2335
ECP_8210.jpg

Arriva “SlowMachineOnAir  Un focus sulla cultura sospesa” - Dal 30/4 alle 18.00, per una serie di giovedì, Rajeev Badhan guiderà questo progetto

SlowMachine, realtà che cura e organizza numerosi progetti ed eventi culturali a Belluno come La Stagione Teatrale Belluno Miraggi al Teatro Comunale di Belluno e il festival Vertigini presso lo spazio Hangar11, sta cercando, in questo momento così difficile, di mantenere un contatto con il suo pubblico, la sua città e gli artisti che hanno dato vita in questi anni ad una ricca e innovativa progettualità.

Il settore dello spettacolo dal vivo è uno dei settori più martoriati da questa emergenza, uno dei primi a chiudere e uno di quelli che apriranno per ultimi. All’interno della categoria dei lavoratori dello spettacolo, sono numerose le questioni che si stanno aprendo e moltissimi i problemi che stanno emergendo rispetto ad una categoria già di per sé fragile e precaria e che in questa situazione rischia davvero il tracollo.

Per questo motivo, ma anche per ragionare insieme su possibili nuovi modelli per affrontare attivamente questa crisi, che non si prospetta solo economica, ma anche sociale e culturale, SlowMachine ha deciso di creare un format in cui possa crearsi una rete sinergica di menti dello spettacolo, un brainstorming in live streaming per portare a galla i problemi, ma anche per progettare il futuro di un settore che andrà ripensato, sia per le misure restrittive del futuro prossimo che ci attende, ma anche perché ha dimostrato di avere moltissime falle all’interno del suo ormai purtroppo consolidato sistema.

Da giovedì 30 aprile per una serie di giovedì alle ore 18:00Rajeev Badhan, direttore artistico di SlowMachine, guiderà il progetto ”SlowMachineOnAir -Un focus sulla cultura sospesa”, una serie di interviste in diretta streaming su Facebook con un artista o lavoratore dell’ambito culturale per mettere a nudo le problematiche del settore in questo momento di emergenza e per progettare insieme il futuro anche attraverso confronti con altre nazionalità. Il calendario dei primi incontri è il seguente, eventuali ulteriori incontri saranno consultabili sul sito slowmachine.org o sulla pagina Facebook SlowMachine/BellunoMiraggi.

Al primo incontrò sarà ospite l’artista visivo, regista e performer Pau Palacios della compagnia spagnola, leone d’argento alla Biennale di Venezia, Agrupación Señor Serrano ospite già due volteall’interno della programmazione di Belluno Miraggi con gli spettacoli “Birdie” e “A House in Asia” e con la masterclass Video on stage for dummies”. Giovedì 7maggio sarà ospite il Leone d’Oro Antonio Rezza ospite di Belluno Miraggi con gli spettacoli “Fratto X” e “Anelante” e giovedì 14 sarà in diretta Hajo Schule, uno dei fondatori e registi della compagnia tedesca Familie Flöz, giovedì 21 avremo il piacere di parlare con la danzatrice e coreografa Michela Lucenti della compagnia Balletto Civile ospite della prima edizione di Belluno Miraggi con un progetto che portò gli anziani della casa di riposo Maria Gaggia Lante al Teatro Comunale e infine giovedì 28 maggio sarà la volta del giovane danzatore e coreografo Marco D’Agostin, presente a Belluno Miraggi con lo spettacolo “Joseph” del coreografo Alessandro Sciarroni.

Per seguire la diretta basta collegarsi alla pagina Facebook SlowMachine/Belluno Miraggi il giovedì alle 18:00. Sarà anche possibile interagire in diretta attraverso domande all’artista.

Oltre a questa iniziativa, SlowMachine a breve inizierà a mettere a disposizione l’archivio delle sue video interviste e incontri con il pubblico, che sono stati filmati dal 2015 ad oggi, durante le varie edizioni di Belluno Miraggi. Anche qui verrà messa on line un’intervista alla settimana sul canale YouTube di SlowMachine.

“Crediamo che il teatro sia un’arte viva - raccontano Rajeev Badhan ed Elena Strada - che nasca e muoia insieme al suo pubblico all’interno di uno spazio di condivisione. Non crediamo quindi che mai nessuna piattaforma digitale potrà sostituirsi a questo e colmare il vuoto della chiusura dei teatri, ma speriamo che attraverso queste proposte ci si possa almeno sentire un po’ più vicini e iniziare a tessere insieme le basi per una ripartenza”.
 

Quando - Dal 30 aprile al 28 maggio, i giovedì alle 18:00

Contatti - info@slowmachine.org

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu