Dummy Title /belluno-dolomiti/ 2024-03-02T04:43:59+01:00 http://example.comnews-10689.atom Altri Eventi in marzo a Feltre - 2024-03-01T18:15:51+01:00 2024-03-01T18:31:52+01:00 8 MARZO 2024, SCINTILLE CREATIVE

8 MARZO 2024 - DONNE IN TILT
Gli appuntamenti:
- Esposizione di poesie, immagini e oggetti artistici. Via Mezzaterra 7 (di fianco alla Bimboteca)
- Passeggiata culturale con Isabella Pilo.
Donne che parlano di donne. Andiamo alla scoperta di personalità femminili feltrine che operano, o hanno operato, nei vari campi del sapere e del saper fare. Ritrovo all'ex Foro Boario di Feltre alle ore 14.30. Durata 3 ore.

NON SOLO OGGI. - 8 MARZO - GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLE DONNE
Oltre le mimose - Canti a cura del Coro Voci Incanto. Letture a cura di Rosa Lusa. Ore 20.00 presso la Galleria d'arte moderna Carlo Rizzarda

SCINTILLE CREATIVE - LABORATORI GRATUITI PER ADOLESCENTI
Sono in partenza nuove percorsi gratuiti a favore degli adolescenti grazie al progetto "Scintille creative", nell'ambito dei Piani di intervento in materia di Politiche giovanili "Giovani e Generattività" della Regione del Veneto.
>   Il percorso di gestione dell’ANSIA e dello STRESS aiuta i ragazzi ad apprendere tecniche di rilassamento, esercizi di respirazione, visualizzazioni guidate e pratiche di consapevolezza che favoriscono l’attenuarsi dei sintomi ansiosi, aumentano la concentrazione, il focus e la motivazione negli apprendimenti scolastici.
Pensato anche per gli studenti dell’ultimo anno di scuola secondaria di I e II grado in vista dell’Esame finale.
>   Il laboratorio "Alla scoperta delle EMOZIONI", attraverso discussioni guidate ed esercizi pratici, aiuta gli adolescenti a identificare e comprendere le proprie emozioni acquisendo maggiormente consapevolezza nel campo dell’intelligenza emotiva. Le relazioni saranno arricchite e più approfondite, perché in sintonia col proprio sentire. Anche i conflitti risulteranno più gestibili e produttivi perché si saranno riuscite a spiegare le proprie emozioni e il proprio punto di vista.
                                Si svolgeranno il martedì dalle 14.00 alle 16.00 presso il Punto d'incontro, in via Luzzo 10.
>   Il laboratorio "IMMAGINE e COLORE" è pensato come un momento dove poter esprimere la propria creatività, fantasia ed immaginazione, promuovere nuove forme di comunicazione e di relazione attraverso l’arte.  Uno spazio dove “il fare” rappresenta un’occasione per conoscere i propri stati d’animo, elaborare i legami affettivi e riflettere sui cambiamenti che comporta il diventare grandi.  Viene dato spazio alla sperimentazione, alla scoperta, alla creatività e alla libertà d’espressione. 
I ragazzi sono sostenuti nella costruzione di relazioni positive, in un contesto all’interno del quale ognuno ha le stesse possibilità e gli stessi spazi di espressione.  Apprenderanno come far emergere desideri, pensieri ed emozioni e impareranno ad ascoltare e a dare spazio a quanto possono condividere gli altri.
   Si svolgerà a partire dal 12 marzo tutti i martedì fino a giugno presso l'Aula magna della Palazzina Bonsembiante al Campus "Tina Merlin", in via Borgo Ruga 42/a.
 
Per informazioni e iscrizioni telefonare al numero 351 7229807 da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 17.30

http://example.comnews-10688.atom Presentazione dati 2023, invito a conferenza stampa - 2024-03-01T18:11:03+01:00 2024-03-01T18:13:36+01:00 Gli interventi e l'attività del Soccorso alpino e speleologico del Veneto, relativi all'anno 2023, saranno presentati nel corso della conferenza stampa, che si terrà giovedì prossimo, 7 marzo 2024.

DATI SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO 2023, INVITO A CONFERENZA STAMPA

La presentazione avverrà a partire dalle 15.30 nella nuova sede del Servizio regionale, in via Caduti 14 Settembre 1944 n. 34/b, all'aeroporto di Belluno. Gli organi di stampa sono gentilmente invitati a partecipare. Grazie dell'attenzione.

 

http://example.comnews-10687.atom Valanga in pista ad Arabba, nessuna persona sepolta - 2024-03-01T18:08:57+01:00 2024-03-01T18:15:44+01:00 Livinallongo del Col di Lana (BL), 28 - 02 - 24

Attorno alle 12.30 la Centrale del Suem è stata attivata per una valanga caduta sulla pista Salere a Porta Vescovo. Sul posto era presente un soccorritore della Stazione di Livinallongo, che informava del coinvolgimento di due sciatori, usciti incolumi in autonomia dalla neve e provvedeva a una prima ricerca con l'Artva, risultata negativa, per escludere la presenza di persone sepolte, anche se non era stato visto nessun altro nelle vicinanze. Con il supporto di una squadra di soccorritori chiamata in rinforzo, del personale del servizio piste e della polizia, tramite i sondaggi e con l'utilizzo del Recco è stata effettuata la bonifica della superficie della valanga, di circa 100 metri di fronte con accumuli di 3 metri. Non si registrano altri coinvolti. 

http://example.comnews-10686.atom FILIPPO ARMELLIN AI LIMITI DEL TEMPO - 2024-02-29T17:53:00+01:00 2024-03-01T17:59:10+01:00 SABATO 9 MARZO ORE 17.00

Invito all'inaugurazione della mostra

FILIPPO ARMELLIN "Ai limiti del tempo" - SABATO 9 MARZO ORE 17.00

PRESENTAZIONE A CURA DI LUCA PIETRO NICOLETTI

OLTREARTE GALLERIA CONTEMPORANEA, VIA FELICE CAVALLOTTI 5/7, CONEGLIANO TV

http://example.comnews-10685.atom Febbraio e marzo a Feltre - 2024-02-29T11:13:12+01:00 2024-03-01T17:53:41+01:00 Programma manifestazioni per febbraio e marzo a Feltre

WORKSHOP GOSPEL CON ENRICO NORDIO - SABATO 2 E DOMENICA 3 MARZO 2023
Cantante gospel ed ex concorrente di X-Factor, Enrico Nordio sarà a Feltre il prossimo 2 e 3 marzo per un workshop dedicato al repertorio Gospel. Una straordinaria occasione per approfondire il tema in compagnia di un interprete d'eccezione.
L'iniziativa è organizzata dalla Scuola Comunale di Musica Francesco Sandi e si svolgera in Palazzo Zasio, in via Mezzaterra a Feltre.
Orari:   Sabato 2 marzo dalle 15 alle 19,   Domenica 3 marzo dalle 15 alle 18   ISCRIZIONE RICHIESTA.   Info:  segreteria@scuolasandi.it   direttore@scuolasandi.it

8 MARZO 2024 - DONNE IN TILT - Gli appuntamenti:
- Esposizione di poesie, immagini e oggetti artistici. Via Mezzaterra 7 (di fianco alla Bimboteca)
- Passeggiata culturale con Isabella Pilo. - Donne che parlano di donne. Andiamo alla scoperta di personalità femminili feltrine che operano, o hanno operato, nei vari campi del sapere e del saper fare. Ritrovo all'ex Foro Boario di Feltre alle ore 14.30. Durata 3 ore.

IL RITIRO SOCIALE. - UN'ANALISI DEL FENOMENO DALLA PRIMA INFANZIA ALL'ADOLESCENZA
Da alcune analisi condotte sul territorio di Belluno-Feltre emerge come il ritiro sociale sia una delle maggiori difficoltà presenti negli adolescenti e nei ragazzi. Ne consegue l’abbandono scolastico che comporta costi elevati in termini di salute e benessere dei ragazzi e dell’intera comunità.
Per questo motivo il Comune di Feltre ha pensato per voi tre appuntamenti con lo scopo di fornire metodologie e strumenti efficaci per prevenire, individuare ed affrontare il ritiro sociale in età adolescenziale
LA DATA: - 15 marzo ore 20.30, Museo Diocesano Belluno Feltre IL RITIRO SOCIALE NEGLI ADOLESCENTI. Relatore dott.re Matteo Lancini psicologo e psicoterapeuta, presidente della Fondazione “Minotauro” di Milano e docente presso l’Università Milano-Bicocca e l’Università Cattolica di Milano
                                                                    CLICCA QUI PER TUTTE LE INFO

Punto d'incontro. - Spazio d'ascolto psico-educativo rivolto ad adolescenti e giovani fino ai 20 anni.
L'obiettivo è prevenire il disagio giovanile (abbandono scolastico precoce, ansia e attacchi di panico, depressione, uso di sostanze, comportanti antisociali, forme di autolesionismo, isolamento), in un’ottica di visione di rete dei servizi. Uno spazio dedicato, protetto e riservato che ragazzi/e, anche in gruppo, possono considerare un posto sicuro dove potersi esprimere.
Lo sportello, situato in via Luzzo 16, è operativo tutti i martedì dalle 14.00 alle 16.00. Il servizio è gratuito ed è rivolto a tutti i ragazzi/e del distretto di Feltre (Feltre, Alano di Piave, Arsiè, Borgo Valbelluna, Cesiomaggiore, Fonzaso, Lamon, Pedavena, Quero Vas, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Sedico, Seren del Grappa, Sospirolo, Sovramonte).
L’accesso è garantito mediante appuntamento telefonico con la Dott.ssa Luana Gollin (psicologa, psicoterapeuta esperta in psicologica scolastica, ansia, attacchi di panico, stress) al numero 347 1449750. L'a????????????????????????????̀  è ???????????????????????????????????????? ????????????????'???????????????????????? ???????????? ???????????????????? ???????? ???????????????????????????????????????? ???????? ???????????????????????????? ???????? ????????????????????????????ℎ???? ???????????????????????????????????? "???????????????????????????? ???? ????????????????????attività" ???????????????????? ???????????????????????????? del ???????????????????????? (???????????? 1206/2022 ???? ???????????? 479/2023).
-----------------------------------------------------
Our mailing address is: VisitFeltre, Via Luzzo, 10 - Feltre, Belluno 32032 - Italy

http://example.comnews-10684.atom Conferenza dedicata ad alcune personalità femminili inserite in Wikipedia - 2024-02-29T10:24:26+01:00 2024-02-29T11:13:07+01:00 15/03/2024 ore 18.00, Sala conferenza Hotel Carpenada, Belluno

Il Soroptimist International Club Belluno-Feltre, in occasione della Giornate dedicate alla Donna, è lieto di invitare Lei e i suoi associati alla conferenza, frutto di una nostra ricerca, dal titolo “Donne bellunesi su Wikipedia - voci e contenuti di figure femminili di rilievo”  che si terrà presso il Park Hotel Villa Carpenada il giorno venerdì 15 marzo p.v. ore 18 - come da allegato invito.

In foto la locandina con il programma dedicato alla presentazione di alcuni profili femminili bellunesi redatti dal Soroptimist Club di Belluno-Feltre per Wikipedia.

La partecipazione è libera e non è necessaria l'iscrizione.

http://example.comnews-10683.atom Circolo Artistico Morales - Mostra al palazzo delle Contesse - nota sulla storia del Circolo - 2024-02-29T10:14:59+01:00 2024-02-29T10:24:18+01:00 Sabato 2 marzo alle ore 18 sarà inaugurata al Palazzo delle Contesse  di Mel la Mostra dedicata alla memoria di Celestino Facchin, raffinato interprete della optical art Ingresso libero

Nel banner - 1972-2002, costruito in onore del Cinquantenario del Circolo Artistico Morales, Celestino Facchin compare con il Presidente Morales ,con cui anche la scrivente già collaborava. E’ stato un Socio del Circolo dagli anni 80 fino al suo trasferimento in terra ligure e al Circolo è sempre stato grato tanto che, non posso non ricordarlo, di anno in anno fino alla malattia che fu poi causa della sua morte, in occasione della festa della donna mi faceva pervenire un mazzetto di mimose. Tutto questo non interessa certamente ai curatori ma può aggiungere, per i Soci, un tocco sulla personalità di Celestino e sulla sua gratitudine nei confronti del Circolo, allora Circolo Artistico Provinciale.

In foto la nota sintetica delle attività del Circolo dal 72 ad oggi,nota redatta per il sito del Circolo e per la Banca diappoggio.

http://example.comnews-10682.atom ABM - Belluno - «Non andare via»: dal Vajont all’emigrazione in Svizzera, il docufilm di «La Compagnia del Piave» - 2024-02-27T17:18:22+01:00 2024-02-27T17:36:12+01:00 Dopo l'anteprima riservata ad autorità, cast e amici, l'appuntamento per tutti è mercoledì 28 al Cinema Italia

Dopo il lusinghiero successo dell’anteprima riservata ad autorità, cast e amici, c’è attesa per la vera e propria “prima” visione del docufilm «Non andare via», che avverrà mercoledì 28 alle 20.30 al Cinema Italia di Belluno e che da parecchi giorni registra il tutto esaurito. Alla proiezione, tra gli altri, sarà presente anche Paola De Martin, storica e sociologa transculturale al Politecnico federale di Zurigo, noto anche con la sigla ETH dalla denominazione ufficiale “Eidgenössische Technische Hochschule Zürich”. L’istituzione zurighese è considerata il più prestigioso istituto universitario politecnico della Svizzera ed uno dei più importanti centri di ricerca al mondo. Fondato nel 1855 sull’esempio dell’École polytechnique a Parigi forma studenti in campo scientifico e tecnico, si dedica alla ricerca, offre corsi di perfezionamento per specialisti e mette a disposizione servizi di natura tecnica e scientifica. De Martin è anche presidente dell’Associazione “Tesoro” per la rielaborazione della sofferenza delle famiglie di lavoratori migranti soggette agli Statuti di stagionale A e di permesso annuale B e costrette all’illegalità.

La studiosa, di chiara origine italiana, verrà appositamente a Belluno dalla Svizzera per assistere alla proiezione della pellicola prodotta da «La Compagnia del Piave» per la regìa di Giorgio Cassiadoro, poiché molto interessata all’argomento dei cosiddetti “figli nascosti” che nel secondo dopoguerra contò alcune decine di migliaia di casi. Nel frattempo «La Compagnia del Piave» sta vagliando le richieste di proiezione del docufilm pervenute da varie località del territorio provinciale: Longarone, S. Giustina, Feltre, Pieve di Cadore. Inoltre, visto il tutto esaurito della “prima” e le numerose richieste del pubblico bellunese,
si profila la possibilità di mettere in cartellone un’altra serata da tenersi nella città di Belluno. «La Compagnia del Piave» assicura che tale cartellone, completato nei singoli appuntamenti sarà reso noto tempestivamente con le indicazioni per le prenotazioni dei posti.

http://example.comnews-10681.atom L'histoire du Soldat, sabato 2 marzo, 17:30, Teatro Giovanni XXIII, Belluno. - 2024-02-27T16:58:12+01:00 2024-02-27T17:16:40+01:00 programma del prossimo concerto, 71a Stagione 2024, "Profili melodici", del Circolo Culturale Bellunese

L'histoire du Soldat - Conservatorio di musica A. Steffani di Castelfranco Veneto, con la collaborazione di DansAtelier. Testo di Charles-Ferdinand Ramuz (trad. Diego Peres)
Musica di Igor Stravinskij (1882 – 1971)

Sabato 2 marzo 2024, ore 17:30 - Teatro Giovanni XXIII - Belluno
----------------------
Un soldato vende il suo violino al diavolo e ne riceve in cambio un libro che... una nuova proposta pomeridiana del Circolo, di musica, danza e narrazione, che si apre con un grande spettacolo originale, aperto a tutti e in particolare 1i giovanissimi, con il biglietto unico a 20 euro per nucleo familiare, genitori e figli fino a 14 anni. 

Biglietti in vendita nella sede del concerto, mezz’ora prima del suo inizio, o presso Cartoleria Capraro, aperta solo il sabato, in Piazza del Mercato, 32 a Belluno, con orario 09-12 e 15-19, telefono +39 348 2684504. Informazioni e programma concerti anche su belcircolo.org

http://example.comnews-10680.atom Gli eventi a Borgo Valbelluna e dintorni - 2024-02-27T16:25:21+01:00 2024-02-27T16:58:05+01:00 Scopri gli eventi della settimana

Nel giorno che non c'è, sapori, saperi, suoni - Giovedi  29 febbraio  ore 19:30 - Agriturismo Fattoria Ortoalpino, Loc.  Confos - Borgo Valbelluna
Serata di letture, musica e degustazioni con gli assaggiatori di formaggio ONAF e le Voci di Passaggio, nella splendida cornice dell'agriturismo fattoria Ortoalpino.
Info e iscrizioni entro martedì 27 febbraio ai seguenti numeri: Daniela 345 1724412, Michele 335 381880, Gino 335 6540248
    
Un poema ritrovato, un autore sconosciuto - Giovedi  29 febbraio ore 20:30, presso  Sala Nocivelli, Limana
Recital poetico musical/teatrale a cura di Gianni Carlin. Adattamento e recitazione dell’opera di Claudio Giuseppe De Donà (1927). Evento, a ingresso libero, organizzato da Comune di Limana, Biblioteca Comunale e Assessorato alla Cultura
    
L'arte che va oltre - Celestino Facchin - Dal 2 marzo al 21 aprile - Palazzo delle Contesse, Mel - Borgo Valbelluna
Mostra  personale dedicata all’artista bellunese Celestino Facchin. Più di 50 opere, molte inedite, che  ripercorrono l'attività artistica  dai primi lavori astratti, alle ultime opere, volte alla sperimentazione geometrica e alla ricerca di soluzioni cromo-percettive pure ed applicate. Visitabile, a ingresso libero, nei seguenti orari: Venerdi 15:00 - 19:30, Sabato e Domenica 10:00 -12:30 e 15:00 - 19:30. Inaugurazione Sabato 2 marzo ore 18:00 a cura di Antonella Alban. Per info: 368 3101010

Escape Room - Distopia - Fino al 10 marzo - Castello di Zumelle
60 minuti per scappare dal Castello distopico, ce la farete? Vietato ai giocatori sotto i 14 anni. Per prenotazioni scrivere a eventi@castellodizumelle.it e procedere alla compilazione del form per prenotare la sessione di gioco preferita secondo disponibilità. Pagamento anticipato con bonifico bancario senza possibilità di rimborso a seguito di disdetta. Tutte le info su  https://www.castellodizumelle.it/
    
Echi d'Arte - mostra collettiva - Fino al 30 marzo - Sede ass. CivicaMente APS - piazza Saubens - Trichiana
30 artisti del territorio in mostra fino al 30 marzo. Orari: lunedì 16:00-18:00, mercoledì, venerdì e sabato 10:00-12:00 e 16:00-18:00, Domenica 10:00-12:00
Per tutte le info: civicamente.idee@gmail.com

Ale  e  Franz - Mercoledi 28 febbraio ore 21:00 - Teatro  Dino Buzzati, Belluno
Il duo comico italiano per eccellenza, torna a Teatro con “Comincium  -  La commedia”, uno spettacolo leggero e divertente. Ricominciano, con tanta voglia di incontrare nuovamente il pubblico, col desiderio di divertirsi e farlo divertire. Una serata spensierata e all’insegna della risata!
Info e prenotazioni: Scoppio Spettacoli | 0437 948874   -   info@scoppiospettacoli.it  -   www.scoppiospettacoli.it
    
Musica da cameretta - Sabato 2 marzo ore 17:30 - Sala Teatro Giovanni XXIII, Belluno
“L’histoire du soldat  da leggere, suonare e danzare”. Musica di Igor Stravinskij. Concerto del Conservatorio di Musica "A. Steffani" di Castelfranco Veneto (TV) diretto da Riccardo Lucadello, organizzato dal Circolo Culturale Bellunese. Per info:  348 2684504 - mail  segreteriabelcircolo@gmail.com

Mostre aperte
>   Una vaghissima Madonna in trono - Belluno, Museo civico di Palazzo Fulcis - fino al 1 aprile
Mostra dedicata alla pala, unico elemento superstite di un polittico che era sull'altare maggiore della Chiesa di Sedico, realizzata da Francesco Vecellio e dal fratello Tiziano.
Visitabili negli orari di apertura del museo.
>   De qua e de la del Brolo - domenica 14 aprile 2024 a Frontin di Trichiana - Borgo Valbelluna.
Torna la pedonata competitiva e a passo libero con due nuovi percorsi di 13 e 5 chilometri!. scrizioni aperte dal 5 febbraio!                 Iscriviti ora!
    
Vivi la montagna in sicurezza.
In inverno sono necessari abbigliamento e attrezzature adeguate per la stagione. Prima di partire controlla il bollettino meteo e il bollettino neve e valanghe dell'ARPAV
Al momento si segnala un FORTE  pericolo di valanghe sulle Prealpi e  sulle Dolomiti.

------------------------------------------------------
Comune Borgo Valbelluna  - Piazza Papa Luciani 3 Borgo Valbelluna

http://example.comnews-10677.atom ABM - Riprendono le visite al MiM Belluno – Museo interattivo delle Migrazioni con mostre immersive, laboratori didattici interattivi e incontri in lingua inglese con giovani all’estero - 2024-02-24T09:21:42+01:00 2024-02-24T09:29:07+01:00 Sono riprese le visite guidate al MiM Belluno – Museo interattivo delle Migrazioni – rivolte agli studenti.

 

Ieri mattina è venuta in visita la scuola Media di Agordo. Oltre al percorso guidato, che ha permesso agli studenti di percorrere un viaggio dell’emigrazione di oltre un secolo di storia – con alcuni approfondimenti sul lavoro in miniera e nelle gelaterie -, si è dato spazio a una mostra immersiva dedicata al Vajont e al rientro degli emigranti subito dopo l’immane tragedia, che il 9 ottobre 1963 colpì duramente la provincia di Belluno e di Pordenone.

Oltre alla mostra gli studenti hanno incontrato Lorenzo Fenti, giovane bellunese con un’esperienza a Parigi appena terminata. Il dialogo tra Lorenzo e i ragazzi è stato esclusivamente in inglese con l’obiettivo di far capire alla scolaresca l’importanza di conoscere un’altra lingua, oltre all’italiano.

A conclusione il MiM Belluno ha offerto anche un laboratorio didattico interattivo, che verrà realizzato in classe, dal titolo “Italiani brava gente?”.

«Invitiamo altre scuole e mettersi in contatto con il nostro Museo – le parole del presidente dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, Oscar De Bona – per organizzare al meglio un visita che di certo è esperenziale e non convenzionale».

Per maggior informazioni: www.mimbelluno.it – info@mimbelluno.it – tel. 0437941160.

http://example.comnews-10676.atom Conferenze Seminario Gregoriano: Flavio Vizzutti - 2024-02-24T09:10:43+01:00 2024-02-24T09:21:14+01:00 La pinacoteca del Seminario - 23 febbraio ore 20.30 23/02/2024, 10:15

Ciclo di conferenze in preparazione ai 700 anni della Chiesa di San Pietro:

23 febbraio - La pinacoteca del Seminario Gregoriano: episodi pittpricidal Seicento all'Ottocento (Flavio Vizzutti)

http://example.comnews-10679.atom Cade con la mountain bike - 2024-02-24T07:44:00+01:00 2024-02-25T07:45:49+01:00 Vittorio Veneto (TV), 24 - 02 - 24

Nuova attivazione per il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane verso mezzogiorno, quando la Centrale del Suem ha allertato i soccorritori per un ciclista caduto con la mountain bike lungo il Sentiero delle Creste. Una squadra è salita a piedi dalla Chiesetta della Madonna della Salute assieme al personale sanitario dell'ambulanza e ha raggiunto il 58enne di Mogliano Veneto, che aveva riportato un sospetto trauma alla caviglia. Dopo avergli immobilizzato il piede, i soccorritori lo hanno imbarellato e calato 200 metri circa lungo il sentiero, per poi trasferirlo nell'ambulanza. 

http://example.comnews-10678.atom Soccorso al Bivacco dei Loff - 2024-02-24T07:37:00+01:00 2024-02-25T07:44:08+01:00 Cison di Valmarino (TV), 24 - 02 - 24

Attorno alle 5 di questa mattina la Centrale del Suem di Treviso ha allertato il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane per un ragazzo che aveva accusato un malore al Bivacco dei Loff. Una squadra è salita da Campo e ha valutato le condizioni del 22enne di Padova, che si trovava da ieri con un amico, coetaneo, nella struttura. I ragazzi sono stati quindi accompagnati a piedi fino al parcheggio, dove quello che si sentiva poco bene è stato affidato all'ambulanza partita per accertamenti verso l'ospedale di Conegliano.

http://example.comnews-10674.atom Venezia, Ca’Pesaro - Galleria Internazionale d’Arte Moderna - Press preview, 17 aprile dalle 10 alle 12.00 - 2024-02-22T15:19:14+01:00 2024-02-24T08:33:02+01:00 Anche lo “stile” rinnegato può reinventarsi nella forma del linguaggio.

Dal 20 Aprile al 15 Settembre 2024, contestualmente alla 60esima Biennale d’Arte di Venezia, le Sale Dom Pérignon di Ca’ Pesaro - Galleria Internazionale di Arte Moderna di Venezia, ospitano la mostra personale di Chiara Dynys “Lo Stile”, a cura di Chiara Squarcina, Alessandro Castiglioni, Elisabetta Barisoni.
Chiara Dynys è una delle più importanti artiste italiane contemporanee, il cui lavoro si è sempre contraddistinto per una particolare attenzione al dialogo con lo spazio storico, sia nella sua dimensione architettonica che in quella discorsiva.
In continuità con questa prospettiva, “Lo Stile” è un progetto espositivo site related, pensato appositamente per Ca’ Pesaro. Una mostra, promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia,  di grande potenza visiva, apparentemente provocatoria ma in realtà rivelatrice della centralità nell’arte della forma del linguaggio.
In ossequio a una poetica che ha sempre rifiutato qualsiasi definizione stilistica, Dynys reinterpreta la sintesi linguistica del Neoplasticismo fondato da Piet Mondrian (il movimento De Stijl), attraverso una serie di nuovi ambienti immersivi, in cui luce e materia ridisegnano il racconto del reale

Scrive in merito l’artista: «Il riferimento a Mondrian vuole rendere esplicita la mia affermazione che la forma del linguaggio, anche quando lo stile è rinnegato, come nel mio lavoro, è centrale. L’installazione inedita che dà il titolo alla mostra è infatti un’opera ambigua, che intenzionalmente riprende le composizioni dell’artista teosofo ma nel contempo le rinnega, perché è realizzata in pietra e metallo, cioè in materie presenti e resistenti, quel che Mondrian rifuggiva più di ogni cosa”. 
“Contrapposti a questa, un gruppo di libri colorati di metacrilato della serie “Tutto”, fornisce ulteriori spunti sulla mia particolare e contraddittoria idea di stile, mentre la seconda grande sala è interamente occupata dall’installazione “Gate of Heaven”, dove lo scheletro luminoso di una grande porta sembra derivare dalle curve, altrettanto luminose, che si diffondono sul pavimento secondo l’andamento delle onde gravitazionali dell’universo».
Così, la visione ravvicinata nel tempo e nello spazio di questi tre lavori, parla di uno “stile” che può tranquillamente rinnegarsi, ma per rinnovarsi: tutto diventa “stile”, se il linguaggio disparato con cui lo si esprime riesce a diventare forma.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Nomos Edizioni, con testi dei curatori e un contributo critico di Angelo Crespi.

Chiara Dynys è una delle più rilevanti artiste italiane contemporanee. Ha partecipato a numerosi progetti espositivi in Italia e all’estero.
Tra le più importanti istituzioni che hanno ospitato il suo lavoro si ricordano il Musée d’Art Moderne di Saint-Étienne (1992), il Centre d’Art Contemporain di Ginevra (1996), il CIAC - Centre International d’Art Contemporain di Montréal (1997), la Städtische Galerie di Stoccarda (1999), il Museo Cantonale di Lugano (2001 - 2015), la Quadriennale di Roma (1986 - 2005), il Bochum Museum, Bochum (2003), il Kunstmuseum di Bonn (2004), il Wolfsberg Executive Development Center, Wolfsberg (2005), lo ZKM- Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlsruhe (2005 - 2012), il Franz Gertsch Museum, Burgdorf (2007), lo Spazio -1, Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, LAC, Lugano (2012), Arkhangelskoye – VII Moscow Biennale, Mosca (2017); ICAE Armenia, Yerevan (2018), il MASI di Lugano (2018) e musei italiani come il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (2005 -2023), il Museo del Novecento di Milano (2012), la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (2013), il Museo Correr di Venezia (2019), Villa e Collezione Panza di Varese (2009 – 2021), il Museo MA*GA di Gallarate (2022).

A tutt’oggi sono visitabili “Over nature” presso Palazzo Maffei Casa Museo a Verona, “Enlightening Books” presso il Quirinale, Roma in occasione di “Quirinale Contemporaneo” e “Sante subito e fiori” presso Archivio Vincenzo Agnetti, Milano. L’installazione site specific “Enlightening Grimoires” è una donazione permanente al MUVE, allestita presso il Museo Fortuny, Venezia, Chiara Dynys partecipa, inoltre, alla prima edizione di “Reggia Contemporanea”, curata da Cristina Renata Mazzantini e da Angelo Crespi, presso la Villa Reale di Monza.

Si ringrazia: 
SEA Aeroporti di Milano, BUILDING, CERVINO28 Art Studio

Un rigraziamento speciale a: Elisabeth e Giulio Buono Wilhelm Rall

Ufficio Stampa Chiara Dynys - Villaggio Globle International - Antonella Lacchin  T +39 041 5904893   M +39 335 7185874   lacchin@villaggio-globale.it

scarica il comunicato e le immagini

Our mailing address is: - Villaggio Globale International Srl - Antonella Lacchin - Email: lacchin@villaggio-globale.it  T. +39 041 5904893  M. +39 335 7185874 - Via Trieste 8, Mogliano Veneto, TV 31021 - Italy

http://example.comnews-10673.atom Valbelluna - «L’albero di Falcone» cresce a Lentiai - 2024-02-21T16:28:44+01:00 2024-02-21T16:36:26+01:00 Consegnata alla scuola primaria la talea simbolo della legalità

«Gli alberi sono testimoni silenziosi ed è per questo che vanno conservati in modo che possano divenire monumento e preservare il ricordo»: con queste parole il dirigente dell’Istituto comprensivo di Mel Umberto De Col ha presentato ai bambini e alle maestre della primaria di Lentiai l’attestato che riconosce all’istituto l’onore e l’onere di ospitare «L’albero di Falcone, l’albero della legalità». Così si è aperto il secondo appuntamento dedicato alla legalità, che dopo l’incontro della secondaria con la viceprocuratrice Gallego, oggi (19 febbraio) ha visto la consegna di una talea proveniente dall’albero sito di fronte la casa di Giovanni Falcone. «L’albero di Falcone» ha come obiettivo la sensibilizzazione dei giovani all’impegno sociale, al rispetto della legalità e alla protezione dell’ambiente. «L’albero del futuro» è un progetto promosso dal ministero della Transizione ecologica e dai carabinieri, che prevede la donazione di una talea del famoso Ficus Macrophylla, che si trova vicino alla casa del giudice Falcone, dal quale sono state prelevate e duplicate delle talee riproducendo così l’albero attraverso nuove piantine.

La rappresentante del Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Belluno ha spiegato ai bambini che l’albero vuole simboleggiare ciò che alcune persone hanno fatto per gli altri e ricordare che ognuno di noi, senza necessariamente essere dei magistrati, può fare la propria parte occupandosi della verità e della legalità. «La legalità va coltivata tutti i giorni – ha sottolineato la Forestale – come questo albero che, provenendo da Palermo, da un clima ben diverso da quello di Belluno, starà a voi bambini curare e accudire; non potrà essere abbandonato a se stesso all’esterno perché morirebbe, ma dovrà essere preservato con attenzione in un vaso». Non hanno voluto mancare a questa semplice, ma intensa, celebrazione il sindaco di Borgo Valbelluna e il parroco di Lentiai. Stefano Cesa ha ricordato Giovanni Falcone come uomo dello Stato, che protesse quelli che sono i valori espressi dalla bandiera che è presente, e che il sindaco ha indicato ai bambini, in tutti gli istituti del Comprensivo, e ha ringraziato i Carabinieri forestali di Mel, rappresentati per l’occasione dal vicebrigadiere Marco Lustri, che si impegnano nella conservazione e tutela del territorio. Don Luca ha concluso sottolineando che Giovanni Falcone ha dato la vita per far rispettare le regole e le leggi, «ma che il rispetto delle regole inizia a casa, a scuola, nel momento stesso in cui si gioca con gli amici. Non bisogna aspettare che siano gli altri a farlo e non necessariamente che siano solo i grandi a dare l’esempio; ciò significa non solo far crescere bene l’albero che c’è stato donato, ma anche l’albero che noi stessi siamo».

http://example.comnews-10672.atom INVITO 23 FEBBRAIO 0ORE 20.30 - SALA CONFERENZE DEL MUSEO - 2024-02-20T11:33:14+01:00 2024-02-20T11:41:28+01:00 Terzo appuntamento del ciclo di incontri dedicati  all'acqua, organizzati in collaborazione tra Gruppo Speleologico CAI Feltre, Museo Etnografico Dolomiti e il Gruppo Escursionisti Cesio.

Dopo aver ascoltato con interesse gli esperti che ci hanno illustrato come le acque si infiltrano e si accumulano nel sottosuolo per alimentare le sorgenti e l'evoluzione degli accumuli di ghiaccio in superficie e in ipogeo, è giunto il momento di scoprire come funziona la complessa e delicata organizzazione che sottende alla fornitura di acqua potabile nelle nostre abitazioni.
Venerdì prossimo, presso il museo, saranno i Gestori Acquedottistici, consorziati come “Viveracqua”, ad illustrare al pubblico i Piani di Sicurezza dell'Acqua "dalle fonti al contatore”, nati per garantire la protezione delle risorse idriche e la riduzione di potenziali pericoli per la salute nell’acqua destinata al consumo umano, secondo le normative europee e italiane.

Relatori saranno i membri del Gruppo di Lavoro PSA - Viveracqua: Michele BIanchi di BIM GSP e Sandro Della Libera di Piave Servizi S.p.A.

La serata ha carattere divulgativo e vuole creare maggiore consapevolezza su una risorsa vitale per la nostra esistenza e il nostro benessere.
Collaborano e patrocinano la rassegna i seguenti Enti e associazioni: Comune di Cesiomaggiore, Comune di San Gregorio nelle Alpi, Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, Pro Loco di Busche, Pro Loco San Gregorio nelle Alpi, Provincia di Belluno, Viveracqua.

--

Museo Etnografico Dolomiti, Via Seravella 1, Cesiomaggiore - Tel. 0437 959162   email: museodolomiti@provincia.belluno.it      www.museoetnograficodolomiti.it

http://example.comnews-10671.atom Gli eventi a Borgo Valbelluna e dintorni - 2024-02-20T11:12:00+01:00 2024-02-20T11:33:02+01:00 Siamo già in Quaresima! Scopri gli eventi della settimana a Borgo Valbelluna e dintorni

Carnevaliamo al Museo...con le maschere dell'Arca dei Volti - Fino al 25 febbraio | Museo Civico Archeologico | Palazzo delle Contesse
Dal 10 al 25 febbraio esposizione di maschere lignee nelle sale del museo.
Orari di apertura:   venerdì 15:00 - 18:30,   sabato e domenica 9:00 - 12:00 e 15:00 - 18:30         Ingresso libero
    
Echi d'Arte - mostra collettiva - Fino al 30 marzo | Sede ass. CivicaMente APS | piazza Saubens - Trichiana
30 artisti del territorio in mostra fino al 30 marzo. Visitabile con i seguenti orari: Lunedì 16:00-18:00, Mercoledì, venerdì e sabato 10:00-12:00 e 16:00-18:00, Domenica 10:0-12:00
Per tutte le info: civicamente.idee@gmail.com

Vendesi Castello con Delitto - Sabato 24 febbraio | ore 20:45 | Sala San Felice | Trichiana
Tra il brillante ed il grottesco i Fuori di Quinta presentano il divertente spettacolo ambientato in un tenebroso castello della profonda Scozia, quali segreti scoprirà il commissario con i suoi prodi aiutanti? Solo se vi immergerete con noi in questa strana avventura lo potrete scoprire ma dovrete prestare molta attenzione, perché non sempre ciò che appare evidente è reale, e ciò che è reale, non sempre è certo.                                   Ingresso ad offerta libera.
    
Escape Room - Distopia - Fino al 10 marzo | Castello di Zumelle
60 minuti per scappare dal Castello distopico, ce la farete? Vietato ai giocatori sotto i 14 anni. Per prenotazioni scrivere a eventi@castellodizumelle.it e procedere alla compilazione del form per prenotare la sessione di gioco preferita secondo disponibilità. Pagamento anticipato con bonifico bancario senza possibilità di rimborso a seguito di disdetta.                      Tutte le info su  https://www.castellodizumelle.it/                                Si avvisa che martedì 20 febbraio il castello sarà chiuso per manutenzione
    

Nel giorno che non c'è - sapori, saperi, suoni - Giovedi  29 febbraio  ore 19:30 I
Agriturismo Fattoria Ortoalpino I    Loc. Confos - Borgo Valbelluna
Serata di letture, musica e degustazioni con gli assaggiatori di formaggio ONAF e le Voci di Passaggio, nella splendida cornice dell'agriturismo fattoria Ortoalpino.
Info e iscrizioni entro martedì 27 febbraio ai seguenti numeri:   Daniela 345 1724412,   Michele 335 381880,   Gino 335 6540248

Incontro progetto Cammino Retico - Venerdì 23 febbraio ore 20:00 | Sala Veranda della Birreria Pedavena | Pedavena
Incontro conoscitivo sul tema del "Cammino Retico", progetto di valorizzazione turistica e culturale promosso dall'associazione Carpe Diem di Aune.        Ingresso libero.
    
Riflessioni sulla situazione e il destino della donna nel mondo - incontro con Dacia Maraini - Venerdì 23 febbraio ore 18:00 | Centro Giovanni XXIII | Belluno
In vista della giornata della donna, incontro con la scrittrice e poetessa Dacia Maraini dal titolo: Riflessioni sulla situazione e il destino della donna nel mondo… Nel nome di Ipazia, tramite il quale dà voce alle donne senza nome di ogni paese, in lotta per la dignità.
    
A caccia di spade e armature - Sabato 24 febbraio ore 16:00 | Museo Civico Archeologico | Feltre
Laboratorio "cerca-trova" alla scoperta delle armi bianche e delle armature che si nascondono nelle opere del nostro museo! Dedicato a bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni!
Per info e prenotazioni potete contattarci al 3272562682 o via email all'indirizzo info.feltre@aqualab.it

Mostre aperte
>   Una vaghissima Madonna in trono - Belluno | Museo civico di Palazzo Fulcis | fino al 1 aprile
Mostra dedicata alla pala, unico elemento superstite di un polittico che era sull'altare maggiore della Chiesa di Sedico, realizzata da Francesco Vecellio e dal fratello Tiziano.
Visitabili  negli orari di apertura del museo.
>   De qua e de la del Brolo - domenica 14 aprile 2024 a Frontin di Trichiana - Borgo Valbelluna.
Torna la pedonata competitiva e a passo libero con due nuovi percorsi di 13 e 5 chilometri!                   Iscrizioni aperte dal 5 febbraio!              iscriviti ora

Vivi la montagna in sicurezza.
In inverno sono necessari abbigliamento e attrezzature adeguate per la stagione. Prima di partire controlla il bollettino meteo e il bollettino neve e valanghe dell'ARPAV
Al momento si segnala un rischio valanghe MODERATO sulle Prealpi e  sulle Dolomiti.

---------------------------------------
Comune Borgo Valbelluna  - Piazza Papa Luciani 3 Borgo Valbelluna 

http://example.comnews-10670.atom CLAIRE FONTAINE A PALAZZO MAFFEI/ un'opera del collettivo in dialogo con l'antico, su bellezza e uso del corpo femminile - 2024-02-20T11:02:38+01:00 2024-02-20T11:12:03+01:00 Verona, venerdì 8 marzo 2024 ore 12.00 - Palazzo Maffei parla contemporaneo: un'opera di Claire Fontaine, collettivo artistico internazionale, nelle collezioni della Casa Museo in dialogo con l'antico.

L'invito a riflettere sulla bellezza, le sue ambiguità e la strumentalizzazione del corpo femminile.
Dopo alcuni importanti lavori di artisti contemporanei come Arcangelo Sassolino, Maurizio Nannucci, Daan Roosegaarde, Chiara Dynys, Leandro Erich, Nunzio, Giuseppe Gallo e altri giovani artisti, entra nella collezione di Palazzo Maffei Casa Museo a Verona una nuova importante opera realizzata dal collettivo artistico internazionale CLAIRE FONTAINE che, in un inedito e avvincente dialogo con l'antico, invita alla riflessione sul ruolo dell'arte, sul concetto di bellezza e la sue ambiguità, sulla strumentalizzazione dell'estetica femminile, ieri come oggi. La scelta dell'artista per questa ulteriore apertura al contemporaneo di Palazzo Maffei è di Gabriella Belli, cui si deve anche il progetto scientifico e il percorso espositivo della Casa Museo.

L'opera di Claire Fontaine - tra i più interessanti protagonisti della scena artistica mondiale, con un'anima volutamente femminile, un impegno femminista e il richiamo al ready-made e all'esperienza di Duchamp - viene proposta in un'installazione site specific in dialogo con la preziosa scultura ottocentesca de "La Bagnante" di Alessandro Puttinati (Verona, 1801- Milano, 1872), capolavoro del Romanticismo lombardo che accoglie i visitatori nell'atrio del monumentale edificio, sede del Museo in Piazza delle Erbe.
Un'installazione di grande effetto - svelata e presentata alla stampa l'8 marzo con la partecipazione dell’artista - che mette in discussione il concetto univoco di bellezza e il senso convenzionale che questo termine assume, e che implicitamente denuncia lo svilimento e la mercificazione del corpo femminile.

Nata da James Thornhill e Fulvia Carnevale nel 2004 a Parigi, Claire Fontaine da sempre impegnata nella denuncia sociale su diversi ambiti, propone un arte neo-concettuale utilizzando differenti medium: fotografia, video, testi, pittura, scultura e scritte illuminate con neon o - come in questo caso- con led. Operando in parallelo sia sull'immagine che sul linguaggio, Claire Fontaine elabora una poetica che si sviluppa sul doppio binario dell'opera e del testo e che apre a molteplici significati, smontando i luoghi comuni, spingendo ad abbandonare i significati consueti delle parole e dei concetti, invitando a cambi di prospettiva. "Il concetto di 'bello' - spiega l'artista - varia attraverso le epoche e i luoghi, e la collezione di Palazzo Maffei offre un esempio di questa variegata complessità. La Bagnante posta all'ingresso del Museo, simbolo di bellezza femminile e in quanto opera d'arte, còlta mentre scopre le sue grazie, assume una profondità contemporanea nel momento in cui mettiamo implicitamente in discussione, con questo intervento, ciò che troviamo bello. Il corpo delle donne - oggi campo di battaglia politica – raffigurato dalla Bagnante, che incurante degli sguardi altrui scopre la sua nudità, acquisisce un senso critico e viene messo in prospettiva, in quanto creazione del "male gaze", dello sguardo maschile che oggettifica gli esseri che desidera".

 Si prega di accreditarsi su: lacchin@villaggio-globale.it

Contatti stampa: Villaggio Globale International - Antonella Lacchin    T. +39 041 5904893 - C. +39 335 7185874    lacchin@villaggio-globale.it

Our mailing address is: Villaggio Globale International Srl - Antonella Lacchin - Email: lacchin@villaggio-globale.it - T. +39 041 5904893 - M. +39 335 7185874
Via Trieste 8, Mogliano Veneto, TV 31021

http://example.comnews-10669.atom Interventi in montagna - 2024-02-18T11:00:00+01:00 2024-02-20T11:02:21+01:00 Belluno, 18 - 02 - 24

Attorno alle 12.15 la Centrale del 118 è stata attivata per uno scialpinista che si era fatto male a Mondeval, nel Comune di San Vito di Cadore. Il 29enne di Altavilla Vicentina (VI), che aveva riportato un sospetto trauma al ginocchio, è stato recuperato dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore e trasportato in ospedale. Poco dopo, verso le 12.45, il Soccorso alpino della Val Biois è stato allertato per un'escursionista infortunatasi in discesa dal Piz Croce, a San Tomaso Agordino. La 69enne di Mestre (VE), che faceva parte di una comitiva di una trentina di persone, aveva messo male il piede durante la camminata di rientro. Con il gruppo aveva raggiunto Malga Zervenest, dove si era fermata in attesa dei soccorsi. Una squadra ha risalito la ripida strada forestale fin dove è stato possibile a causa della presenza di ghiaccio, per poi proseguire una ventina di minuti a piedi. L'infermiera di Stazione ha valutato le condizioni della donna, che lamentava dolore a una caviglia. Dopo averle immobilizzato il piede, i soccorritori l'hanno imbarellata, trasportata fino alla jeep e da lì all'abitato, da dove si è allontanata autonomamente con i propri mezzi, quando sono arrivati i compagni. 

http://example.comnews-10668.atom Valbelluna - Corsa campestre, si assegnano a Borgo Valbelluna i titoli veneti - 2024-02-18T09:10:27+01:00 2024-02-18T09:25:34+01:00 Sono circa 700 gli iscritti alla quarta edizione dell’evento organizzato dal Gs La Piave 2000 (nella foto Atleticamente/Fidal Veneto la corsa di Francesco Da Vià).

Sono circa 700 gli iscritti al 4° Cross di Borgo Valbelluna che dopodomani, domenica 18 febbraio, sui saliscendi di Mel, assegnerà una parte dei titoli regionali della specialità. La manifestazione – quinta delle sei campestri regionali in programma durante la stagione – è valida come Campionato veneto individuale per il settore assoluto (in palio i titoli allievi, juniores, promesse e assoluti) e rappresenta la prova finale dei Campionati regionali promozionale e master di società.

Dopo Borgo Valbelluna resta in calendario solo l’appuntamento di Grumolo delle Abbadesse (Vicenza) che, la domenica successiva, assegnerà i titoli regionali individuali per il settore promozionale e quelli di società per il settore assoluto.
A Borgo Valbelluna, nella prova assoluta sui 10 km, da seguire Mihail Sirbu (Gs Quantin Alpenplus), vincitore di tre delle quattro gare regionali disputate sin qui, l’azzurrino Francesco Da Vià (Gs La Piave 2000), il siepista Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) e il neocampione italiano assoluto di maratona, Giacomo Esposito (Atl. San Biagio).
Al femminile (8 km) pronostici per l’azzurra Michela Moretton (Assindustria Sport) e Nikol Marsura (Assindustria Sport), laureatasi (come Sirbu) campionessa regionale di cross corto domenica scorsa a Soligo.

Organizza il Gs La Piave 2000. Si gareggerà in località La Lora, nei pressi degli impianti sportivi. Inizio alle 9.15 con i master, a seguire il settore promozionale e, in chiusura di mattinata, quello assoluto. A metà giornata passerella per gli esordienti tesserati per le società della provincia di Belluno.

http://example.comnews-10667.atom Due interventi in montagna - 2024-02-17T09:08:00+01:00 2024-02-18T09:10:18+01:00 Belluno, 17 - 02 - 24

Questa mattina verso le 9 l'elicottero di Pieve di Cadore è volato sotto il Guslon, dove uno scialpinista che si apprestava a seguire la Transcavallo si era fatto male a una spalla. Sbarcato in hovering, il tecnico di elisoccorso ha raggiunto il il 28enne di Caneva (PN) e lo ha poi caricato a bordo. L'infortunato è stato trasportato a Belluno. Due scialpinisti facenti parte di un gruppo sono invece stati recuperati dall'eliambulanza sul Ciadin de Fanis. Sceso sempre in hovering il tecnico di elisoccorso ha provveduto a imbarcare un uomo con un probabile trauma al ginocchio e una donna colta da lieve malore. Entrambi sono stati accompagnati al Codivilla.

http://example.comnews-10666.atom Cade con la mountain bike - 2024-02-17T09:07:00+01:00 2024-02-18T09:08:52+01:00 Volpago del Montello (TV), 17 - 02 - 24

Attorno alle 11.30 il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato attivato per un ciclista caduto con la propria mountain bike lungo una strada del Montello. Un soccorritore che vive nelle vicinanze si è subito messo a disposizione, mentre altri due si preparavano a intervenire. Sul posto è stato inviato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore che ha sbarcato con un verricello di 20 metri equipe medica e tecnico di elisoccorso. Dopo le prime cure, l'infortunato, con un possibile trauma toracico, è stato affidato all'auto medica, sopraggiunta nel frattempo, per il trasporto in ospedale.  

http://example.comnews-10665.atom Valbelluna - Dolomiti Fantasy torna a Trichiana l’1 e il 2 giugno. E svela l’illustrazione per l’edizione 2024 - 2024-02-17T07:57:47+01:00 2024-02-17T08:04:35+01:00 L’opera è realizzata da Nicolò Rimerici (in arte Nicori)

Uno stregone in vetta alla torre di Casteldardo, a Trichiana, evoca una potente creatura con numerosi tentacoli e altrettanti occhi: tutto intorno i villaggi, le montagne e un castello che ricorda proprio quello medievale di Zumelle. L’associazione Castle of Fantasy svela l’illustrazione che sarà protagonista dell’edizione 2024 di Dolomiti Fantasy, primo evento nella provincia di Belluno dedicato al mondo fantasy, nerd e pop, che tornerà per la sua quinta edizione i prossimi 1 e 2 giugno, nella consueta location del Parco Lotto Trichiana a Borgo Valbelluna. Un’illustrazione che unisce le due dimensioni principali di Dolomiti Fantasy: il forte legame con il territorio della Valbelluna e più ampiamente delle Dolomiti Bellunesi, insieme a personaggi e creature appartenenti al mondo fantasy.

Da questo binomio nasce l’opera realizzata da Nicolò Rimerici (in arte Nicori), giovane e promettente illustratore veneto, che ha all’attivo collaborazioni con Panini e con l’affermato content creator e fumettista Dario Moccia, oltre a numerosi lavori indipendenti. «Ho scelto di reinterpretare i paesaggi delle Dolomiti in chiave fantasy-medievale, traendo ispirazione dall’esistente», spiega Nicori. «Si notano infatti le citazioni rivisitate della torre di Casteldardo in primo piano e del castello di Zumelle che sovrasta l’ambientazione. Proprio sulla torre si trova uno stregone ritratto nell’atto di evocare un beholder, iconica creatura fantastica che sarà sicuramente familiare agli appassionati del gioco di ruolo e in generale del fantasy. Il tutto è alleggerito dal mood divertente che, attraverso i colori dei soggetti e dell’ambientazione, vuole omaggiare il clima scanzonato e festoso dell’evento dolomitico».
«Siamo lieti di presentare questa meravigliosa opera realizzata da Nicori, giovane artista veneto che ha già molte collaborazioni importanti all’attivo», dichiara Gianluca Schiocchet, presidente di Castle of Fantasy. «Proseguiamo dunque nel cammino intrapreso dalla scorsa edizione, con l’artwork realizzato da Paola Andreatta, nell’intento di dare spazio a giovani talenti. Una volontà che, durante Dolomiti Fantasy, si traduce nella presenza di artisti del territorio nello spazio dell’Art District, introdotto lo scorso anno, che ospita un palco con una programmazione parallela con workshop e presentazioni di vario genere». Ritorna il logo di Dolomiti Fantasy che accompagna l’evento sin dalla sua prima edizione nel 2017, realizzato da Dalia Schintu. Dolomiti Fantasy è un evento organizzato dall’associazione Castle of Fantasy in collaborazione con la Pro Loco Trichiana, l’associazione Red Phoenix e il comune di Borgo Valbelluna. Per restare aggiornati su tutte le novità, è possibile visitare il sito web dolomitifantasy.com e seguire le pagine ufficiali dell’evento su Facebook e Instagram.

http://example.comnews-10661.atom Belluno - Via al censimento dei lupi nel Bellunese, esperti al lavoro con le fototrappole - 2024-02-16T10:38:55+01:00 2024-02-16T10:52:39+01:00 Padrin: «Iniziativa necessaria per dare informazioni corrette». Uno studio evidenzia veleno per topi nelle carcasse

IL MONITORAGGIO - Come (e perché) contare i lupi con precisione - Di Enrico Vettorazzo, Responsabile settori divulgazione e ricerca scientifica del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Una sfida difficile ma necessaria
Quanti lupi ci sono? Come sono distribuiti sul territorio? Rispondere a queste domande con precisione non è semplice, ma è molto importante, perché le risposte consentono di valutare l’efficacia delle attività di conservazione della specie e di pianificare al meglio le azioni di prevenzione dei possibili attacchi al bestiame domestico. Il lupo, come altri carnivori, è caratterizzato da basse densità di popolazione, una distribuzione sul territorio aggregata (poiché vive in branchi) e un comportamento elusivo: questi fattori rendono difficile il suo censimento. Nelle Alpi orientali, dove il lupo sta ricolonizzando spontaneamente gli ambienti da cui l’uomo lo aveva scacciato, contare i lupi è ancora più complicato, perché siamo in presenza di una situazione in rapida evoluzione, in cui si stanno formando nuovi branchi, che occupano le aree idonee ancora disponibili.
Le primissime luci dell’alba “svelano” la presenza di una pista di lupo impressa sulla neve all’interno del Parco. Seguendo la pista è possibile trovare campioni biologici utili al monitoraggio. (Foto di Ivan Mazzon)

Per avere dati precisi è indispensabile rilevare il numero e la distribuzione degli animali in modo standardizzato e ripetuto nel tempo, realizzando quindi non un semplice censimento ma un vero e proprio monitoraggio. Per pianificare il monitoraggio è necessario definire quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere, perché sulla base di questi si stabilisce quali informazioni raccogliere e con quali metodi. Ad esempio stabilire in quali zone il lupo è presente è più semplice che stimare il numero di individui e per farlo si usano tecniche e strumenti diversi.
Fondamentale è poi stabilire l’estensione dell’area di studio e, di conseguenza, della popolazione indagata. Nel caso del lupo il territorio occupato da un singolo branco può arrivare anche a 300 km2 (praticamente la superficie dell’intero Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi) e un giovane individuo in dispersione può spostarsi per centinaia di chilometri (L’inizio di un ritorno), il monitoraggio quindi è tanto più utile e significativo quanto più ampio è il territorio considerato.

La vastità e la complessità del territorio di un branco rendono estremamente complesse le attività di monitoraggio. Cercare le tracce dei lupi in territori articolati come quello del Parco è come cercare la via di uscita in un intricato labirinto.
Il lupo è una specie particolarmente protetta a livello europeo e monitorare il suo stato di conservazione è un obbligo di legge, per questo il suo monitoraggio è oggi condotto in modo standardizzato e coordinato sull’intero arco alpino e in tutta l’Italia peninsulare, allo scopo di quantificare la consistenza della popolazione e definire l’areale occupato.
Nel caso del lupo si può stimare il numero di individui presenti oppure quello dei branchi; il numero di branchi indica quante unità riproduttive sono presenti in un’area, mentre la stima degli individui considera, oltre ai lupi presenti nel branco, anche quelli solitari e i giovani in dispersione. Stimare il numero di branchi è più semplice e più preciso, stimare il numero di individui è più complesso e meno preciso, ma fornisce informazioni più complete, per questo si cerca di ottenere entrambi i dati, monitorando il numero di branchi in modo continuativo e stimando il numero totale di individui a intervalli di tempo pluriennali.

... ... ...

http://example.comnews-10660.atom Cicloturismo - Nicola Inversi venerdì sera a Belluno - 2024-02-16T10:32:42+01:00 2024-02-16T10:38:51+01:00 Appuntamento con la FIAB venerdì sera a Belluno per parlare di sport e, nello specifico, di cicloturismo. Non una semplice pedalata, bensì una vera e propria avventura condivisa con il suo migliore amico.

A raccontarla è Nicola Inversi, minervinese da anni residente a Roma, che alle ore 20.45 in Sala Bianchi illustrerà la titanica impresa pedalata in compagnia di Erin, l’inseparabile golden retriever di dieci anni.

La strana coppia è partita da Roma il 18 marzo dello scorso anno con destinazione Capo Nord, la punta estrema dell’Europa, di fronte al Polo Nord. Nessun motore elettrico, tanto meno endotermico, ma solamente la propria forza e la voglia di vivere un sogno, pedalando in sella a una cargo-bike.
«Lavoro per la Corro corrieri Roma, ovvero una società che consegna pacchi in bicicletta in tutta la capitale – racconta Nicola -. Sono abituato alle fatiche e pedalare non è mai stato un problema, tanto meno carico di pacchi con pesi e dimensioni a volte non proprio così generosi».

La cargo-bike infatti è una bicicletta progettata e costruita appositamente per il trasporto di merci, persone e animali. «Immaginate di vedere una qualsiasi bicicletta con due ruote e davanti un pianale, all’altezza dei pedali, che misura all’incirca 90 centimetri per 50. Il posto giusto per fare sentire Erin a proprio agio – prosegue Nicola –.E quando penso al cicloturismo, devo farlo sempre per due, perché è parte della mia famiglia. Senza di lui non avrei fatto questo viaggio».

Un viaggio che prende il nome di “Nordic Dream: from Rome to the North Cape“. Un sogno, appunto, ma anche una promessa fatta da Nicola ad Erin in un momento particolare della vita, dove pensava di non averla più al suo fianco a causa di un incidente.
«Sarà una serata sicuramente emozionante, perché non capita tutti i giorni di incontrare un cicloturista come Nicola, pronto a percorrere 4350 chilometri pedalando in compagnia del proprio amico a quattro zampe» conclude Pierluigi Trevisan, presidente dell’associazione FIAB Belluno.
Un’avventura fatta di ciclismo, turismo, racconti e anche di angeli custodi, ovvero tutte quelle persone che sanno dare una svolta allegra e positiva al viaggio.

La serata, organizzata dall’associazione Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta di Belluno, è aperta al pubblico.

Per informazioni consultare la pagina internet www.bellunoinbici.it oppure contattare i numeri 388 388 9637 (Gianfranco) e 344 233 6637 (Pierluigi).

http://example.comnews-10659.atom Trichiana - “Punto di incontro e dialogo”. Un evento delle Acli Belluno Dolomiti - 2024-02-16T10:16:10+01:00 2024-02-16T10:32:39+01:00 La Acli Belluno Dolomiti con la collaborazione del Circolo Acli Sinistra Piave, organizza un ciclo di incontri con gli immigrati ospiti del comune di Borgo Valbelluna.

Un ciclo di incontri con gli immigrati ospiti del comune di Borgo Valbelluna, nell’ambito del progetto Integrazione ed Accoglienza inserito nella progettualità 5×1000 di quest’anno .

Grande e ricca di diversità la disponibilità e partecipazione delle Associazioni e del Volontariato locale organizzato ed individuale, Parrocchia di Trichiana, Caritas, Croce Rossa Italiana, Cooperativa Integra, Cooperativa Sviluppo&Lavoro, tutti desiderosi di fare qualcosa di concreto perché questi ospiti si sentano accolti, accettati ed aiutati a conquistare una propria autonomia all’interno della comunità.

Ritrovo presso l’Oratorio parrocchiale di Trichiana dalle 15.30 alle 17.30 nei lunedì e i venerdì di febbraio, marzo e aprile.

http://example.comnews-10658.atom L’Italia e l’Europa devono dire basta alla guerra. E devono dirlo ORA! - Iniziative per il 23 e 24 febbraio 2024. - 2024-02-16T10:03:38+01:00 2024-02-16T10:16:05+01:00 Il Coordinamento provinciale Pace & Disarmo di Belluno invita tutti in piazza dei Martiri la mattina del 24 febbraio, anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina

In piazza dei Martiri la mattina del 24 febbraio, per chiedere come cittadini ai nostri rappresentanti di invertire la rotta e di adoperarsi piuttosto per fermare la criminale follia di tutte le guerre, la corsa al riarmo e la distruzione del pianeta Terra. E per attivare politiche diplomatiche e nonviolente per la risoluzione delle controversie internazionali, come richiederebbe il dettato costituzionale.
L’evento di Belluno è uno dei tanti che si svolgeranno nelle principali piazze italiane, coordinati da Europe for peace, e sarà preceduto venerdì 23 febbraio alle ore 18.30 a Belluno, presso la Sala Bianchi, da un incontro con Chiara Marangon, Fiammetta Arsié, Massimo De Nardi e Ruggero Da Ros dal titolo Testimonianze nonviolente dalla Palestina, organizzato in collaborazione con Insieme si può ong. Saranno raccontate esperienze di viaggi realizzati dal 2019 al 2023 in Palestina nell’ambito della campagna Ponti non
muri di Pax Christi, che da più di vent’anni segue la vicenda palestinese da vicino. La guerra è tornata di moda. Al di là della timida mozione, non vincolante, per il cessate il fuoco
votata alla Camera dei deputati martedì 13 febbraio, non passa giorno senza che Stati e governi non approvino aumenti alle spese militari e non promuovano interventi armati per eliminare alla radice chi disturba le loro mire e i loro interessi geopolitici ed economici.
Ci preoccupa moltissimo che tra questi ci siano anche l’Italia e l’Unione europea, di cui siamo cittadini. Eccone una breve e recente dimostrazione:
- 7 ottobre 2023: a ritorsione del massacro in Israele da parte di Hamas, l’Italia ha bloccato i fondi all’UNRWA, agenzia dell’ONU che con 30.000 persone soccorre quasi 2 milioni di sfollati nell’inferno di Gaza ed è presente anche in Cisgiordania, Siria e Libano.
- 28 ottobre e 12 dicembre 2023: per due volte l’Italia si è astenuta mentre l’Assemblea generale dell’ONU approvava rispettivamente con 120 e 153 voti a favore le risoluzioni proposte per una “tregua umanitaria immediata e duratura” del conflitto tra Israele e Hamas.
- novembre – dicembre 2023: l’attuale governo italiano, come i precedenti, decide di non prendere parte alla seconda Conferenza degli Stati parti del Trattato ONU sulla proibizione delle armi nucleari, già in vigore e sottoscritto da 92 paesi.
- dicembre 2023: la legge di bilancio prevede per il ministero della difesa 28,1 miliardi di euro (5,5% in più dell’anno precedente).
- 16 gennaio 2024: la commissione Difesa ed esteri del Senato approva alcuni emendamenti del DDL sulla modifica alla legge 185/90 che regola le esportazioni di armi dell’Italia, limitando i controlli e facilitando il rilascio delle autorizzazioni. Viene anche eliminata ogni informazione riguardo agli Istituti di credito operativi nel settore dell’import/export di armamenti.
- 16 gennaio 2024: l’Autorità UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento) presso il Ministero degli Esteri nega ad Altreconomia l’accesso civico alle informazioni sull’export effettivo delle industrie italiane dall’inizio dei bombardamenti su Gaza. Tra le “ragioni” opposte il “nocumento al sistema di difesa nazionale” e la tutela della “confidenzialità” con Tel Aviv.
- 27 gennaio 2024: il ministro Crosetto chiede 10 mila riservisti per far fronte ai nuovi scenari (richiamando, per altro, ciò che era già stato espresso in una legge del 2022).
- 1 febbraio 2024: i 27 paesi dell’Unione europea si accordano per mettere a bilancio 50 miliardi euro per armare l’Ucraina e poco dopo il segretario della Nato, seguito dal cancelliere tedesco Scholz, ha chiesto all’Europa di aumentare ancora le forniture di armi all’Ucraina e le scorte dei paesi europei, passando da una produzione lenta a una veloce, come necessario in tempi di guerra.
- 8 febbraio 2024: la Camera dei deputati (il Senato ha già dato l’ok) autorizza anche per l’anno 2024 la fornitura di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore dell’Ucraina; l’elenco dei mezzi sarà definito con decreti, tutti secretati, del Ministro della Difesa.
- 19 febbraio 2024: la missione militare Aspides sul Mar Rosso, cui partecipa anche l’Italia con tre unità navali e a cui verrebbe affidato anche il comando tattico, dovrebbe essere approvata formalmente dal Consiglio Europeo il prossimo 19 febbraio. La missione si svolge senza un mandato dell’ONU e senza che sia stata tentata un’azione diplomatica volta a proteggere davvero la navigazione, che invece viene messa ulteriormente a rischio proprio dalla militarizzazione.

Coordinamento provinciale Pace & Disarmo - Pagina Facebook: Pace e Disarmo Coordinamento Provinciale Belluno - Indirizzo mail: pacedisarmobelluno@gmail.com

http://example.comnews-10662.atom Ricerca in zona Pian dele Femene - 2024-02-16T07:55:00+01:00 2024-02-17T07:57:34+01:00 Revine Lago (TV), 16 - 02 - 24

Ricerca in corso zona Pian dele Femene
Da questa notte all'una sono in corso le ricerche di un uomo non rientrato ieri da una camminata nella zona di Pian dele Femene, dove è parcheggiata la sua auto. Danilo Santuz, 72enne di Dosson di Casier (TV) è uscito di casa ieri mattina verso le 8.30 e si presume sia arrivato verso le 10 al parcheggio per poi allontanarsi a piedi, senza più tornare. Il cellulare risulta non raggiungibile. Le ricerche si stanno concentrando tra San Boldo e Visentin, sia sul versante trevigiano che Bellunese. Sono presenti il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane, della Guardia di finanza e i Vigili del fuoco.  Danilo è alto 1.75 metri, ha i baffi, ma non si sa come fosse vestito quando è partito, potrebbe avere avuto con sé uno zaino. Chiunque lo abbia visto è pregato di contattare i Carabinieri.

Trovato in gravi condizioni l'escursionista disperso sul Pian dele Femene
È stato rinvenuto in gravi condizioni, probabilmente a causa di un malore, il 72enne di Casier (TV), le cui ricerche sono in corso da questa notte, dopo il mancato rientro ieri da una camminata sul Pian dele Femene. Una squadra assieme a un'unità cinofila lo ha rinvenuto fuori sentiero, al limite dell'area boscata, vicino al Monte Cor. Il recupero sta avvenendo con l'eliambulanza di Treviso emergenza.

Colto da malore, ritrovato dall'unità cinofila
È stata l'unità cinofila di ricerca di superficie a individuate il luogo in cui si trovava Danilo, il 72enne di Casier (TV) non rientrato ieri da una camminata nei dintorni di Pian dele Femene, dove era parcheggiata la sua auto. L'uomo era cosciente, ma immobile, quasi sicuramente colto da malore e in gravi condizioni. Allertati nella notte dalla Centrale del 118, i soccorritori delle Prealpi Trevigiane erano usciti all'una per avviare le ricerche proseguite fino al ritrovamento alle 15.15 circa. Non avendo notizie certe sul giro intrapreso dall'uomo, le squadre si sono distribuite sui percorsi circostanti, tra Trevigiano e Bellunese. L'elicottero regionale della Protezione civile ha sorvolato le creste, mentre quello della Guardia di finanza dotato di Imsi catcher, metodologia di rilevamento dei cellulari, ha perlustrato una vasta area, senza esito positivo. Negativa anche la perlustrazione aerea con il sistema Recco. In mattinata due unità cinofile molecolari del Cnsas avevano dato il proprio contributo. Ricevute informazioni dagli amici su possibili zone frequentate dall'uomo, le squadre si sono suddivise le destinazioni e una, che si muoveva assieme all'unità cinofila di Stazione, ha ritrovato l'uomo, a terra tra gli schianti, non distante da una strada tagliafuoco del Monte Cor. L'infermiere del Soccorso alpino gli ha subito prestato prima assistenza, mentre era in avvicinamento l'elicottero di Treviso emergenza. Sbarcati nelle vicinanze, tecnico di elisoccorso ed equipe medica gli hanno subito prestato le prime cure. Caricato in barella, l'uomo è stato imbarcato e trasportato all'ospedale di Treviso.
Erano presenti il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane è di Belluno con unità cinofile molecolari e di superficie, il Soccorso alpino della Guardia di finanza di Auronzo e Cortina con unità cinofile, i Vigili del fuoco con unità cinofile, la Protezione civile di Revine, i Carabinieri di Vittorio Veneto e Cison di Valmarino.

http://example.comnews-10664.atom Ruzzola 200 metri in un canale - 2024-02-16T07:50:00+01:00 2024-02-17T07:51:49+01:00 Ala (TN), 16 - 02 - 24

Verso le 13.15 l'elicottero di Verona emergenza è stato attivato per un escursionista scivolato in un canale vicino al Monte Plische, nella zona del Carega. Il 50enne Veronese che, ramponi ai piedi, stava percorrendo il sentiero numero 182 a quota 1.900, perso l'equilibrio era ruzzolato nel vajo centrale, fermandosi oltre 200 metri più in basso e riportando fortunatamente solo apparenti contusioni e graffi. Lanciato lui stesso l'allarme e fornito le coordinate del punto in cui si trovava, l'uomo è stato individuato dall'elisoccorso, che ha verricellato il tecnico di elisoccorso. Verificatene le condizioni, in accordo con l'equipe medica, il soccorritore ha assicurato l'escursionista, poi issato a bordo con un verricello di 20 metri. Per le opportune verifiche, dopo essere stato controllato da medico e infermiere, l'uomo è stato trasportato all'ospedale di Borgo Trento.