Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

La battaglia di Cadore. Storia, contesti, copie da Tiziano. Un successo da 5 mila visitatori per la mostra di Pieve di Cadore

La Battaglia di Cadore esposto a Pieve di Cadore

L’iniziativa è stata un tributo ai 1600 anni di Venezia, con la quale il Cadore sancì il proprio legame attraverso la Dedizione nel 1420.

Ospitata nella Casa natale di Tiziano Vecellio a Pieve di Cadore (Belluno) dal 10 luglioal 19 settembre, l’esposizione ha ripercorso un’importante pagina di storia del Cadore, scritta cinque secoli fa, partendo dal dipinto attribuito a Leonardo Corona, ottenuto in prestito dalle Gallerie degli Uffizi di Firenze.

La Magnifica Comunità di Cadore per la quinta estate consecutiva ha coinvolto cittadini e turisti con una mostra dossier che ha approfondito la storia e l’identità del territorio attraverso l’arte e il richiamo di uno dei suoi più celebri artisti, Tiziano Vecellio: dal 10 luglio al 19 settembre nellaCasa natale di Tiziano Vecellioa Pieve di Cadore (Belluno) oltre 5 mila persone hanno potuto visitare l’esposizione “La Battaglia di Cadore. Storia, contesti, copie da Tiziano”, sviluppata attorno al dipinto “Battaglia” (metà del XVI secolo), attribuito al veneziano Leonardo Corona (o, comunque, ad un pittore di scuola veneta), ottenuto in prestito dalle Gallerie degli Uffizi di Firenze.

L’attività espositiva dell’estate 2021 si è inserita nelle celebrazioni nazionali promosse per i 1600 anni dalla fondazione della città di Venezia.
La Magnifica Comunità di Cadore anche quest’anno inoltre ha promosso, accanto alla mostra dossier, un ricco calendario di appuntamenti estivi inserito nel network Reteventi cultura 2021 della Provincia di Belluno per favorire la scoperta e la conoscenza del territorio, in collaborazione con la Fondazione Museo dell’Occhiale e Bim Comuni del Piave, con il contributo della Fondazione Cariverona.

Renzo Bortolot, presidente della Magnifica Comunità di Cadore ha sottolineato: “In anni particolarmente difficili per il propagarsi della pandemia Covid 19abbiamo continuato a lavorare su azioni turistico - culturali sostenibili, che possano valorizzare il patrimonio artistico legato al Cadore, creando esposizioni mirate e nello stesso tempo finanziando restauri e studi che possano perdurare nel tempo. Rispetto alle presenze nei musei, abbiamo registrato un incremento del 22% rispetto al 2020, nonostante le difficoltà legate all’entrata in vigore del Green pass: questo dato che ci fa ben sperare per il futuro e per ritornare prossimamente a registrare le presenze degli anni pre - Covid”.

A cinquecento anni dalla disputa di una delle battaglie più importanti della storia moderna, che cambiò le sorti e i giochi di potere nello scenario europeo, si è ricordato lo scontro che avvenne proprio in Cadore,il 2 marzo 1508, nei dintorni di Valle di Cadore, nella località detta di Rusecco, e che vide contrapporsi l’armata imperiale di Massimiliano I e l’armata veneziana capitanata dal celebre condottiero Bartolomeo D’Alviano; si tratta di un episodio ben noto alla storia militare e politica dell’Europa all’avvio del Cinquecento, e già Macchiavelli e Guicciardini ne colsero l’importanza.

Il celebre pittore Tiziano Vecellio, nato a Pieve di Cadore, si offrì di eseguire, fin dal 1513, un telero avente per soggetto la raffigurazione della Battaglia, destinato alla Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Venezia, avendo bene in mente la Battaglia di Anghiari di Leonardo e la Battaglia di Cascina di Michelangelo. La consegna non avvenne però prima dell’agosto 1538 e l’opera ebbe vita breve poiché andò bruciata nell’incendio del 1577, evento che devastò l’intero Palazzo.
Per desumere l’aspetto dell’opera oggi ci si deve dunque affidare ad altre fonti quali disegni preparatori, stampe, un disegno successivo di Rubens, la copia pittorica coeva (olio su tela) di Leonardo Corona.

La Battaglia di Cadore, opera di grande pregio e straordinario documento storico, arrivò a Palazzo Pitti nel Seicento grazie al Cardinal Leopoldo de’ Medici, e ha lasciato Firenze negli ultimi decenni solo per poche mostre, a Venezia, Pordenone e in Giappone

Per costruire la mostra dossier è stata avviata una ricerca delle fonti che ha spaziato non solo in Veneto, ma in tutta Italia e anche in Europa. Al centro della mostra è stato postol’autorevole prestito della tela solitamente conservata nei depositi delle Gallerie degli Uffizi di Firenze e ad esso sono affiancati un’incisione della Battaglia di Cadore ad opera del Fontana, e altre testimonianze storiche relative alla battaglia.

Per informazioni: http://www.magnificacomunitadicadore.it/,  tel. 0435 32262, info@magnificacomunitadicadore.it

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu