Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

Addestramento congiunto tecnici e sanitari in Sisilla

Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 1
Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 2
Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 3
Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 4
Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 5
Addestramento tecnici e sanitari in Sisilla 6

Recoaro Terme (VI), 30 - 09 - 20


Quando è l'ospedale ad arrivare dal paziente. Gli aspetti tecnici si sono coniugati alla perfezione con le manovre sanitarie nel secondo anno dell'esercitazione congiunta tra le Scuole sanitaria e alpina del Soccorso alpino e speleologico Veneto, tenutasi sabato scorso al Rifugio Campogrosso. Scenario delle manovre le pareti della Sisilla. Cinque squadre da 4 soccorritori, 2 tecnici e 2 sanitari per squadra, provenienti da tutte le Stazioni del Servizio regionale veneto del Cnsas, sono state impegnate in altrettanti scenari (dal bosco ripido, alla ferrata, alla scarpata) in rapidissima sequenza: 50 minuti di scenario con valutazione e trattamento sanitario, imbarellamento ed evacuazione, 10 minuti di debriefing e cambio. Infine è stata simulata una grande emergenza con incidente in falesia da risolvere tutti assieme. 
In totale hanno preso parte all'addestramento 10 tecnici, 15 sanitari, 5 figuranti. 
I volontari sono partiti da tutto il Veneto, qualcuno all'alba rientrando a notte fonda, pur di partecipare con entusiasmo a questo importante momento di formazione e confronto. A causa delle disposizioni antiCovid, al posto delle previste due giornate, le dirigenze delle Scuole hanno dovuto concentrare in un solo giorno il programma, rispettando le norme vigenti. Anziché annullarla, è stato deciso di formularla con un inevitabile impegno maggiore, ma i risultati hanno ripagato appieno gli sforzi organizzativi fatti, consentendo una giornata intensa e proficua.
"Esprimiamo grande soddisfazione per la nutrita partecipazione - è il commento della direzione della Scuola sanitaria -  Abbiamo tecnici e sanitari molto preparati, ma è solo lavorando insieme e unendo i due aspetti che si riesce a portare direttamente dall'infortunato un soccorso di alto livello".
Già in programma la prima edizione invernale.
Hanno assistito alle operazioni il vicepresidente del Soccorso alpino e speleologico Veneto Giovanni Busato, il delegato dell'XI Zona Prealpi Venete Alberto Barbirato, il vicedelegato della II Zona Dolomiti Bellunesi Mario Brunello. Presenti il soccorritore e assessore Paolo Asnicar, in rappresentanza del Comune di Recoaro Terme, e tre esponenti del Suem che hanno seguito la risoluzione di alcuni scenari.

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu