Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

Belluno - Al Museo Burel «Le Grand Viveur»

«Le Grand Viveur», mostra personale di Perla Sardella.

Il Museo Burel di via Mezzaterra a Belluno presenta «Le Grand Viveur», mostra personale di Perla Sardella, inaugurazione sabato 13/11 alle ore 18.

L’esposizione sarà visitabile dal 14 novembre all’11 dicembre. Orario d’apertura: sabato e domenica, dalle 14 alle 18.30.
Il video «Le Grand Viveur», da cui prende il titolo la mostra, nasce dall’incontro di Perla Sardella con il materiale video girato da Mario Lorenzini, cineamatore che negli anni Settanta compra una videocamera e inizia a filmare in Super 8. Di lui veniamo a sapere pochissimo, e quel poco lo scopriamo subito, grazie agli scarni testi che compaiono come sottotitoli ai piedi delle immagini: è un walser, un operaio, un cacciatore, un escursionista, e un cineamatore appunto. E cosa filma? Mario Lorenzini abita dove tutte le strade sembrano finire, in montagna, in un paesino del Piemonte al confine con la Svizzera. Attraverso la sua videocamera ci mostra quello che lo circonda: l’avvicendarsi delle stagioni, i lunghi inverni, i lavori dei campi, le case, la preparazione dei formaggi, l’uccisione del maiale, la caccia, i fiori e le luci. La solitudine. E ancora le feste di paese, le tradizioni, i muri di neve, gli uomini e le donne. Inquadra la comunità, le persone che la popolano, e il luogo in cui vive.

Con questa mostra Museo Burel aggiunge un altro tassello al filo conduttore dell’Anguana e di Streghe. Se con Gatto Magico di Luca Francesconi l’accento è stato posto sulla valenza magica della strega e sulla figura ausiliatrice del gatto, con Le Grand Viveur l’attenzione si concentra sull’osservazione di un mondo bipartito, quello degli uomini da una parte e quello delle donne dall’altra. Fatto di eroi solitari, con le mani segnate dalla fatica il primo; di esseri leggeri che incuriosiscono e sfuggono alla comprensione il secondo. Entrambi indagati dallo sguardo di Perla Sardella e da una distanza che, pur senza mettere in discussione, sottolinea e interroga, aprendo.

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu