Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

BorgoValbelluna - Acc, ripresa produttiva temporanea grazie a un ordine arrivato da Bosch

MEL-Wanbao-Acc

Nel frattempo proseguono le verifiche delle tre aziende che hanno manifestato interesse all’acquisto.

Nei primi giorni della prossima settimana Acc riaprirà i cancelli per evadere un importante ordine arrivato da Bosch. Mauro Zuglian della Fim Cisl Belluno Treviso ha commentato: «L’asse fondamentale con i clienti e in particolare con il gruppo Bosch ha garantito la liquidità necessaria per far fronte ai costi per la ripresa produttiva di Acc: il 18, 19 e 20 gennaio si riapriranno i cancelli, per proseguire a febbraio con circa altre 8 giornate di lavoro. Nulla ha fermato la volontà dei lavoratori di riprendere la produzione, neppure le impennante dei prezzi delle materie prime. Benché sia definito da alcuni un prodotto banale, il compressore è composto da molti componenti: i più ricorrenti sono costituiti da rame, alluminio e acciaio, materie che hanno avuto aumenti rispetto ai prezzi di gennaio 2021 rispettivamente del 55%, 50% e 110%. Nelle piccole realtà e nelle imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito come Acc, la pressione finanziaria generata dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dallo scarso potere contrattuale nei confronti dei clienti può provocare la paralisi produttiva, anche in presenza di grandi quantità di ordini in portafoglio e, nella peggiore delle ipotesi, lo sconquasso dei conti. Per Acc sarebbe necessario arrivare più rapidamente possibile alla conclusione dell’iter collegato all’articolo 37 e reperire la finanza necessaria a traghettare l’azienda verso la nuova proprietà».

Proseguono comunque verifiche con le tre aziende che hanno manifestato interesse all’acquisto. «Il massimo riserbo – prosegue il sindacalista della Fim – è segnale di grande serietà dei richiedenti: nel passato abbiamo già assistito a proclami roboanti poi conclusi con un nulla di fatto. Fa eccezione LegaCoop che, in vista di una possibile operazione di workers buyout (acquisto dei lavoratori), predilige un rapporto stretto con le maestranze protagoniste indiscusse di tale soluzione».
Il prossimo 20 gennaio LegaCoop sarà in visita allo stabilimento e incontrerà i rappresentanti dei lavoratori e le segreterie sindacali territoriali.

L’impatto della crescita del costo dell’energia, conclude Zuglian: «L’aumento dei prezzi per la fornitura di gas e corrente elettrica non segna alcun rallentamento sarebbe necessaria una politica di sistema coinvolgendo aziende partecipate come Ascopiave. Tutto ci riporta a politiche di tutela industriale che possono garantire il mantenimento e la crescita delle nostre realtà produttive e quindi alla responsabilità di chi gestisce la macchina amministrativa del nostro Paese».

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu