Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

Zaia: «La nuova ordinanza apre tutto: cinema e spettacoli, discoteche e casinò, sport di squadra».

Il Gazzettino

Dal Gazzettino del 13/6/2020 - Luca Zaia in diretta anche oggi, sabato 13 giugno 2020, con gli ultimi aggiornamenti sul Coronavirus


In Veneto dalla sede della Protezione civile di Marghera il presidente del Veneto ha presentato la nuova ordinanza che prevede l'apertura di tutte le attività ancora ferme. Comprende quindi l'apertura di cinema, discoteche, casinò, sagre, fiere, sale gioco,  spettacoli in generale e la ripresa delle attività sportive con contatto.

Luca Zaia in diretta: cosa ha detto oggi

Bollettino
I tamponi eseguiti sono 802.241, i positivi totali 19.207, le persone in isolamento 813 (-10), in ospedale sono ricoverate in area non critiva 232 pazienti, dei quali 45 positivi, in terapia intensiva 13 e nessun positivo, i morti sono 1.977 (+10). I guariti sono 16.417

La nuova ordinanza di oggi
«Questa nuova ordinanza è divisa in tre parti e di fatto apre tutto. L'ordinanza scade il 10 luglio. Possono aprire attività economiche e ricreative, cinema e spettacoli, teatri, circhi, produzione lirica, musica sinfonica, concerti. Dal 15 giugno può aprire il settore di cinema e spettacoli: il numero delle persone da accogliere è proporzionale alle sedute fisse (quindi una postazione sì e una no) e se non ci sono le sedie bisogna rispettare un metro di distanza. Il 19 giugno aprono sagre e fiere, congressi e grandi eventi turistici, sale slot, sale gioco, sale bingo, discoteche e il casinò di Venezia. La pratica degli sport con contatto riprende in Veneto dal 25 giugno, seguendo le linee guida sottoscritte con l'Ufficio sport della Presidenza del Consiglio, o con le linee guida regionali».

LEGGI E SCARICA L'ordinanza del 13 giugno 2020.doc

Turisti positivi
«I turisti non residenti in Veneto che risultassero positivi al coronavirus durante la vacanza devono essere presi in carico dall'Ulss competente nel luogo di accoglienza e vengono messi in isolamento per 14 giorni. Il 66,76% dei turisti in Veneto è formato da stranieri, se ci fosse il caso limite di un contagio, faranno la quarantena in vacanza».

Mascherine
«Si continueranno ad usare le mascherine nei luoghi chiusi e in caso di assembramenti, nel rispetto delle norme nazionali». 

Stati generali
«Oggi pomeriggio faremo una videoconferenza con i presidenti di Regione per definire la delegazione agli Stati generali, o in video o in presenza. Da parte mia nessuna polemica. Berlusconi diceva che le migliori riunioni sono quelle senza sedie, perché durano poco. Tra task force, piani Marshall e Stati generali, questo Paese non se n'è mai fatta mancare una. La mira l'abbiamo presa, speriamo di prendere il bersaglio, che è la ripresa economica».

Disabili e case di riposo
«Stiamo lavorando ad una nuova ordinanza per disabili e case di riposo, ma è impegnativa -dice Zaia - Siamo allertati dai messaggi dei familiari ed hanno tutti ragione. Abbiamo capito che le linee guida caricano di responsabilità i gestori e alcune gestioni non se la sentono. Quindi stiamo cercando di fare una cosa nelle aperture di questi centri seguendo le indicazioni scientifiche».
L'assessor Manuela Lanzarin ha aggiunto: «Si tratta di un settore complicato e delicato, i gestori delle strutture con anziani e disabili sono spaventati. Quindi dobbiamo elaborare un documento che segua le linee guida degli accessi degli ospedali. Sono comunque tutte strutture che rimangono sotto screening ogni 20 giorni. Sono strutture provate, perché colpite dal virus in modo pesante».

Servizi per l'infanzia
Maggiore elasticità anche per i servizi riservati all'infanzia. L'assessore Lanzarin precisa che «la misurazione della temperatura è consigliata, ma non è più obbligatoria. Inoltre anche il rapporto bambini-educatore lascia margine, si danno dei parametri consigliati, ma c'è un margine per modificarli»

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu