Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

L'Istituto Berggruen riunisce leader internazionali, pensatori per il dialogo est-ovest alla Casa dei Tre Oci a Venezia

Casa dei Tre Oci

Preoccupato dal deterioramento delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, il gruppo sviluppa possibili percorsi di dialogo su questioni critiche dall'Ucraina ai cambiamenti climatici

L'Istituto Berggruen ha riunito leader e pensatori nel suo centro di attività europeo, la Casa dei Tre Oci all'isola della Giudecca a Venezia, per un dialogo tra la Cina e le democrazie di tutto il mondo. Provenienti dall'est e dall'ovest, l'incontro includeva politici, accademici, scrittori e tecnologi ex e attuali: Nicolas Berggruen; Mario Monti; Helle Thorning-Schmidt; Henry Kissinger; Pascal Lamy; Kai-Fu Lee; Evan Spiegel; Tiziana Lippiello; Giorgio Yeo; Ernesto Zedillo; Gordon Brown; Kishore Mahbubani; Kevin Rudd; Eric Schmidt; Susan Thornton; Matt Browne; Shashi Tharoor; Nathan Gardels; Anne Marie Slaughter; Canzone Bing; Alba Nakagawa; Ching Ho; Xuetong Yan; e Yongnian Zheng.

Spinto dal proposito di rafforzare le relazioni tra Cina, il gruppo ha sviluppato possibili percorsi di dialogo su questioni critiche dall'Ucraina al cambiamento climatico. Il gruppo è stato riunito dal Berggruen Institute, un centro di ricerca indipendente e un think tank politico con sede a Los Angeles, Beijing, e Venezia. L'istituto ha recentemente acquistato due immobili a Venezia – Casa dei Tre Oci– che diventeranno i centri delle sue attività in Europa. Fondato nel 2010 da Nicolas Berggruen e Nathan Gardels, il Berggruen Institute si concentra sullo sviluppo di idee su cui costruire nuove istituzioni attrezzate per gestire le sfide del 21° secolo.

"Venezia è stata la porta che collega l'Occidente all'Oriente per oltre 700 anni", afferma Nicolas Berggruen. “È il luogo perfetto per costruire ponti tra le culture.” “Fin dalla sua fondazione - afferma la Rettrice Tiziana Lippiello - l'Università Ca' Foscari Venezia ha condiviso la missione e la tradizione della città che la ospita: il commercio internazionale, le relazioni internazionali e lo studio delle lingue e delle culture del mondo, con l'obiettivo di contribuire alla comprensione reciproca e alla valorizzazione del passato verso nuovi percorsi innovativi. Siamo orgogliosi di far parte di questo nuovo progetto”.

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu