Eventi, avvenimenti, manifestazioni, mostre di arte a Belluno e provincia

"Profilo di Don Carlo De Luca": una mostra a Borca di Cadore, Belluno, celebra il centenario della morte del prete botanico e patriota

De Luca
De Luca_lettera

L’esposizione sarà visitabile da domenica 7 agosto, con l’inaugurazione alle 17.00, a domenica 4 settembre 2022.

Un progetto che restituisce la memoria del suo valoroso contributo al Risorgimento, in ricordo di tutti gli uomini e le donne che nella loro semplicità hanno conosciuto la temerarietà di battersi per il valore più importante di un essere umano, la libertà.

La Magnifica Comunità di Cadore, il Comune di Borca e l’ISBREC - Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Belluno, in collaborazione con gli eredi di don Carlo De Luca (vissuto tra il 1830 e il 1922), vogliono ricordare il sacerdote cadorino con l’esposizione documentaria “Profilo di Don Carlo De Luca”, da domenica 7 agosto (inaugurazione alle 17.00) a domenica 4 settembre nella sala polivalente La Scola di Borca di Cadore (Belluno), e una giornata di studi prevista per il prossimo mese di ottobre.

In occasione dei cent’anni dalla morte si intende valorizzare il fondo donato dagli eredi e custodito all’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Belluno composto da una gran mole di documenti, materiale fotografico, diplomi e lettere. Attraverso questi materiali è possibile comprendere i principali aspetti della vita sociale e culturale del sacerdote di Borca. Sono inoltre esposte alcune opere d’arte appartenenti alla famiglia di origine e alla Magnifica Comunità di Cadore.

Hanno collaborato attivamente al progetto della mostra e del convegno Matteo Da Deppo, Alessia Uccelli, Letizia Lonzi, Nica Bonotto, Anne Perini, Francesco Franchi, Enrico Bacchetti.

La mostra vuole ripercorrere la vita ed il lavoro di Don Carlo De Luca, attraverso la presentazione di numerosi documenti e fotografie appartenenti alla sua collezione personale e gentilmente concessi dall’ISBREC. Sarà dunque possibile conoscere le sue sei principali sfaccettature: la figura del prete patriota, del botanico, del funzionario religioso, dell’intellettuale che intrecciava numerosi rapporti con significativi personaggi del suo tempo, dell’amato zio di famiglia e dell’uomo umile in quanto tale. Un viaggio alla (ri)scoperta di Don Carlo De Luca e del suo valoroso contributo al Risorgimento, in ricordo di tutti gli uomini e le donne che nella loro semplicità hanno conosciuto la temerarietà di battersi per il valore più importante di un essere umano: la libertà.

È anche con un pizzico di orgoglio – sottolinea Renzo Bortolot, Presidente della Magnifica Comunità di Cadore - che, ancora una volta, la Magnifica Comunità si è impegnata per riscoprire e far conoscere un personaggio cadorino che ha lasciato un segno importante nella storia contribuendo ad alimentare, in senso positivo, l'identità e l'unità del Cadore. Ciò è stato possibile grazie alla tenacia delle eredi e alla stretta sinergia che si creata con il Comune di Borca e l'ISBREC, che ringrazio. Invito tutti a visitare la mostra a Borca e a partecipare al convegno di ottobre”.

L’ingresso alla mostra è gratuito, tutti i giorni dalle 11.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 20.00.

Per informazioni: magnificacomunitadicadore.it

Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie cosa sono
menu
menu